XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Xagena Salute

Uso dell'inibitore EGFR Erlotinib per il trattamento del cheratoderma palmoplantare nei pazienti con sindrome di Olmsted causata da mutazioni di TRPV3


La sindrome di Olmsted è una genodermatosi caratterizzata da cheratoderma palmoplantare ( PPK ) doloroso e mutilante che progredisce dall'infanzia in poi e manca di un trattamento efficace.

La sindrome di Olmsted è spesso causata da mutazioni nel gene del recettore vanilloide TRPV3.
In modelli animali e linee cellulari di cheratinociti, la via di segnalazione TRPV3 porta alla transattivazione del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ).

È stata esaminata la possibilità di bloccare la transattivazione di EGFR con l'inibitore Erlotinib ( Tarceva ) per trattare il cheratoderma palmoplantare nei pazienti con sindrome di Olmsted a causa delle mutazioni di TRPV3.

In una serie di casi, 3 pazienti di due famiglie non-imparentate che presentavano cheratoderma palmoplantare associato a mutazione di TRPV3 sono stati trattati con Erlotinib nel periodo 2018-2019.

Il follow-up clinico ha incluso la valutazione della progressione del cheratoderma palmoplantare, del dolore e degli interventi per il dolore, nonché l'aggiustamento della dose di Erlotinib in base all'effetto del trattamento, ai livelli plasmatici e alla tolleranza.

I 3 pazienti ( 2 fratelli di 15 e 17 anni e una ragazza di 13 anni ) presentavano grave ipercheratosi palmoplantare, dolore intollerabile con eritromelalgia, grave ritardo della crescita, anoressia e insonnia, che erano progrediti fin dall'infanzia nonostante numerose terapie.

Due pazienti sono stati costretti alla sedia a rotelle a causa di forti dolori e restrizioni articolari a causa dell'ipercheratosi.
Tutti i pazienti hanno manifestato depressione e non si sono impegnati in attività sociali.

Entro 3 mesi dall'inizio della terapia con Erlotinib, l'ipercheratosi e il dolore sono scomparsi.
Tutti i pazienti sono stati in grado di toccare il suolo con i piedi, indossare scarpe e camminare.
Anoressia e insonnia hanno avuto remissione e parallelamente è migliorata la crescita.
Inoltre, i pazienti hanno ripreso le attività sociali.
Questi miglioramenti sono stati sostenuti per 12 mesi di trattamento e follow-up.

I risultati di questo studio hanno riportato un miglioramento del cheratoderma palmoplantare nei pazienti con sindrome di Olmsted causata da mutazioni di TRPV3 quando sono stati trattati con Erlotinib.
Il targeting della transattivazione di EGFR con la terapia con Erlotinib può causare remissione clinica in una malattia orfana priva di un intervento efficace. ( Xagena2020 )

Greco C et al, JAMA Dermatol 2020; 156: 191-195

Dermo2020 MalRar2020 Med2020 Farma2020


Indietro