Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Reumabase.it

Terapia basata sulla interferenza dell’RNA. Effetti di Patisiran sui parametri cardiaci nei pazienti con amiloidosi ereditaria mediata dalla transtiretina: studio APOLLO


L'amiloidosi ereditaria mediata dalla transtiretina ( hATTR ) è una malattia multisistemica rapidamente progressiva che si presenta con cardiomiopatia o polineuropatia.
Lo studio APOLLO ha valutato l'efficacia e la tollerabilità del Patisiran ( Onpattro ) nei pazienti con amiloidosi hATTR. Sono stati valutati gli effetti di Patisiran sulla struttura e sulla funzione cardiaca in una sottopopolazione prespecificata di pazienti con evidenza, al basale, di coinvolgimento dell'amiloide a livello cardiaco.

APOLLO era uno studio internazionale, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di fase 3 in pazienti con amiloidosi hATTR.
I pazienti sono stati randomizzati a ricevere 0.3 mg/kg di Patisiran oppure placebo tramite infusione endovenosa una volta ogni 3 settimane per 18 mesi.

La sottopopolazione cardiaca prespecificata comprendeva pazienti con spessore della parete ventricolare sinistra al basale maggiore o uguale a 13 mm e nessuna anamnesi di ipertensione o malattia della valvola aortica.

Gli endpoint cardiaci esplorativi prespecificati comprendevano spessore medio della parete ventricolare sinistra, deformazione longitudinale globale e frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale ( NT-proBNP ).
Sono stati valutati anche i parametri cardiaci nella popolazione complessiva dei pazienti APOLLO.
Un endpoint composito di ospedalizzazioni cardiache e mortalità per tutte le cause è stato valutato in una analisi post hoc.

Nella sottopopolazione cardiaca ( n=126, 56% della popolazione totale ), Patisiran ha ridotto lo spessore medio della parete ventricolare sinistra ( differenza media dei minimi quadrati -0.9; P=0.017 ), lo spessore della parete del setto interventricolare, lo spessore della parete posteriore e lo spessore della parete relativo al mese 18 rispetto al placebo.

Patisiran ha anche determinato un aumento del volume telediastolico ( 8.3 ml, P=0.036 ), deformazione longitudinale globale ridotta ( -1.4%, P=0.015 ) e aumento della gittata cardiaca ( 0.38 l/min, P=0.044 ) rispetto al placebo al mese 18.

Patisiran ha abbassato le concentrazioni del frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale a 9 e 18 mesi ( a 18 mesi, rapporto Patisiran / placebo fold change 0.45, P minore di 0.001 ).

È stato osservato un effetto consistente sul frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale a 18 mesi nella popolazione complessiva dei pazienti APOLLO ( n=225 ).

La durata mediana del follow-up è stata di 18.7 mesi.

I tassi aggiustati per l'esposizione di ospedalizzazioni cardiache e morte per tutte le cause sono stati 18.7 e 10.1 per 100 anni-paziente nei gruppi placebo e Patisiran, rispettivamente ( hazard ratio Andersen-Gill 0.54 ).

Patisiran ha diminuito lo spessore medio della parete ventricolare sinistra, la deformazione longitudinale globale, il frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale e gli esiti avversi cardiaci rispetto al placebo al mese 18, suggerendo che Patisiran può arrestare o invertire la progressione delle manifestazioni cardiache dell'amiloidosi hATTR. ( Xagena2019 )

Solomon SD et al, Circulation 2019; 139: 431-443

Cardio2019 MalRar2019 Med2019 Farma2019


Indietro