Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Pneumobase.it

Tegsedi per il trattamento della neuropatia causata dall’amiloidosi ereditaria da accumulo di transtiretina


Tegsedi è un medicinale usato per il trattamento della neuropatia causata dall’amiloidosi ereditaria da accumulo di transtiretina ( hATTR ), una malattia in cui proteine denominate amiloidi si accumulano nei tessuti dell’organismo, compresi i nervi.
Tegsedi è utilizzato nei pazienti adulti nei primi due stadi della neuropatia ( stadio 1, quando il paziente non necessita di assistenza per la deambulazione, e stadio 2, quando il paziente può ancora camminare ma necessita di assistenza ).

La hATTR è rara e Tegsedi è stato definito come medicinale orfano ( medicinale utilizzato nelle malattie rare ) il 26 marzo 2014.

Tegsedi è disponibile come soluzione iniettabile sotto la pelle in siringhe preriempite ( 284 mg ). La dose raccomandata è di una iniezione una volta a settimana, praticata sotto pelle nell’addome, nella parte superiore della coscia o nella parte superiore del braccio.
La prima iniezione deve essere effettuata sotto la guida di un operatore sanitario qualificato. I pazienti o le persone che li assistono possono praticare le iniezioni successive dopo avere ricevuto le istruzioni adeguate.

Poiché Tegsedi può provocare una diminuzione del numero di piastrine nel sangue ( con conseguente rischio di sanguinamento ), la conta piastrinica deve essere monitorata durante il trattamento con Tegsedi e la dose e la frequenza di somministrazione del medicinale devono essere regolate di conseguenza.

Nei pazienti con hATTR la circolazione nel sangue di una proteina denominata transtiretina è difettosa e la proteina si scompone facilmente. Una volta scompostasi, tale proteina forma depositi di amiloide, che si accumulano nei tessuti e negli organi in tutto il corpo, compresi i nervi, interferendo con le loro normali funzioni.

Il principio attivo presente in Tegsedi, Inotersen, è un oligonucleotide antisenso, un frammento di materiale genetico sintetico molto breve progettato per legarsi al materiale genetico della cellula responsabile della produzione di transtiretina e bloccarlo. Ciò riduce la produzione di transtiretina, diminuendo pertanto la formazione di amiloidi e alleviando i sintomi dell’amiloidosi di hATTR.

In uno studio principale su 173 pazienti affetti da hATTR con neuropatia di stadio 1 o 2, Tegsedi è risultato più efficace del placebo nel rallentare la neuropatia causata dalla malattia.
Le principali misure di efficacia sono state i cambiamenti nella neuropatia e nella qualità della vita dei pazienti, misurati utilizzando scale standard denominate rispettivamente mNIS+7 e Norfolk QoL-DN.
Dopo 15 mesi di trattamento, il punteggio mNIS+7, utilizzato per valutare la neuropatia, è peggiorato in misura minore con Tegsedi ( circa 11 punti ) rispetto al placebo ( circa 25 punti ). La qualità di vita, misurata dal punteggio Norfolk QoL-DN, è peggiorata di circa 4 punti nei pazienti trattati con Tegsedi, rispetto ai circa 13 punti nei pazienti trattati con placebo.

Gli effetti indesiderati più comuni di Tegsedi ( che possono riguardare più di 1 persona su 10 ) sono reazioni nella sede di iniezione, nausea, basso livello di globuli rossi, mal di testa, febbre, edema periferico ( gonfiore, in particolare di caviglie e piedi ), brividi, vomito e bassa conta piastrinica che può portare a sanguinamento e formazione di lividi.

Tegsedi non deve essere usato da pazienti con bassa conta piastrinica ( meno di 100x109 /l ) e da pazienti con gravi problemi renali o epatici.

Tegsedi è risultato efficace nel trattamento della neuropatia di stadio 1 o stadio 2 in pazienti con hATTR; i dati disponibili non erano sufficienti per presupporre un effetto benefico in pazienti in stadio 3 ( quelli che necessitano di una sedia a rotelle ).
Alla luce delle esigenze mediche insoddisfatte, il profilo di sicurezza di Tegsedi è stato considerato accettabile e i rischi sono stati ritenuti gestibili con specifiche regole di monitoraggio, riduzione della dose e sospensione della terapia.
Pertanto, l’Agenzia europea per i medicinali ha deciso che i benefici di Tegsedi sono superiori ai rischi. ( Xagena2018 )

Fonte. EMA, 2018

MalRar2018 Neuro2018 Med2018 Farma2018


Indietro