Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Farmaexplorer.it

Sindrome di Sweet in pazienti con e senza tumore


La sindrome di Sweet è una dermatosi neutrofila che può essere classificata nei sottotipi classico, associato a malignità e farmaco-indotto.
Pochi studi hanno analizzato sistematicamente questo raro disturbo.

Sono state descritte le caratteristiche clinico-patologiche e il trattamento della sindrome di Sweet e sono state identificate le caratteristiche associate alla neoplasia concomitante esaminando retrospettivamente i pazienti con sindrome di Sweet presso l'Università della Pennsylvania ( Stati Uniti ) dal 2005 al 2015.

Sono stati identificati 83 pazienti ( età media, 57 anni, 51% maschi ) con sindrome di Sweet: 30% con la forma classica, 44% con la forma associata a malignità, 24% con la forma farmaco-indotta nel contesto di neoplasia, e 2% con la forma farmaco-indotta.

La leucemia mieloide acuta era la neoplasia più comune ( in 24 su 83 pazienti, 29% ).

Filgrastim era il farmaco più comune ( utilizzato in 8 su 83 pazienti, 10% ).

La leucopenia ( P minore di 0.001 ), anemia ( P=0.002 ), trombocitopenia ( P minore di 0.001 ), assenza di artralgia ( P minore di 0.001 ) e istopatologia istiocitoide o sottocutanea ( P=0.024 ) sono risultate associate a malignità ( test X2 ).

Questo studio retrospettivo ha rappresentato i pazienti di un unico Centro di riferimento, il che potrebbe limitare la sua generalizzabilità ad altre impostazioni.

In conclusione, quando si prendono in cura pazienti affetti da sindrome di Sweet, bisogna essere consapevoli della potenziale associazione di leucopenia, anemia, trombocitopenia, assenza di artralgia e istopatologia istiocitoide o sottocutanea con la neoplasia. ( Xagena2018 )

Nelson CA et al, J Am Acad Dermatol 2018; 78: 303-309.e4

Dermo2018 Onco2018 MalRar2018 Med2018 Farma2018


Indietro