Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Vertigini
Xagena Newsletter

Sicurezza ed esiti a lungo termine nella tirosinemia ereditaria di tipo 1 con trattamento a base di Nitisinone


Dall'approvazione nell'Unione Europea del Nitisinone ( Orfadin ) nel 2005, la prognosi per i pazienti con tirosinemia ereditaria di tipo 1 è cambiata drasticamente, dato che i pazienti che vivono con la malattia ora raggiungono l'età adulta per la prima volta nella storia.

Sono stati valutati la sicurezza a lungo termine e gli esiti del trattamento con Nitisinone nei pazienti con tirosinemia ereditaria di tipo 1.

È stato condotto uno studio non-interventistico, non-comparativo, multicentrico in 77 centri in 17 Paesi europei e sono stati raccolti dati longitudinali retrospettivi e prospettici in pazienti con tirosinemia ereditaria di tipo 1 che sono stati trattati con Nitisinone orale durante il periodo di studio ( dal 2005 al 2019 ).
Non c'erano criteri di esclusione specifici.
I pazienti sono stati seguiti almeno una volta all'anno per tutto il tempo in cui sono stati trattati o fino alla fine dello studio.

Gli endpoint primari, il verificarsi di eventi avversi correlati alla funzione epatica, renale, oftalmica, ematologica o cognitiva o dello sviluppo, sono stati valutati nell'insieme completo ( tutti i pazienti già in trattamento alla data indice nel 2005, o che hanno iniziato il trattamento successivamente ) e il set indice ( il sottogruppo di pazienti che hanno ricevuto la prima dose solo alla data indice o successiva ).

Durante il periodo di studio sono stati arruolati 315 pazienti ( set completo ). Inoltre, sono stati recuperati i dati di 24 pazienti che hanno subito un trapianto di fegato o sono morti durante il programma di sorveglianza post-marketing ( set di analisi esteso; 339 pazienti ). La durata mediana del trattamento è stata di 11.2 anni; l'esposizione cumulativa al Nitisinone è stata di 3.172.7 anni-paziente.

I pazienti diagnosticati allo screening neonatale hanno iniziato il trattamento con Nitisinone all'età media di 0.8 mesi rispetto agli 8.5 mesi in quelli con presentazione clinica.

L'incidenza di eventi avversi epatici, renali, oftalmici, ematologici o cognitivi o dello sviluppo è stata bassa.

L'occorrenza di trapianto di fegato o morte è stata più frequente quanto più tardi è iniziato il trattamento ( nessuno dei 70 pazienti che hanno iniziato il trattamento a un'età inferiore a 28 giorni vs 35 su 268 pazienti, 13%, che hanno iniziato il trattamento a un'età maggiore o uguale a 28 giorni ).

279 dei 315 pazienti ( 89% ) sono stati valutati con una compliance al trattamento con Nitisinone molto buona o buona.

Il trattamento e la compliance alla dieta sono diminuiti con l'età dei pazienti.
Sono stati osservati livelli plasmatici subottimali di fenilalanina e tirosina.

La maggior parte dei pazienti è stata segnalata con buone condizioni cliniche generali durante il trattamento; 176 su 203 ( 87% ) durante l'intero studio, il 98% dopo 1 anno di trattamento.

Il trattamento a lungo termine con Nitisinone è risultato ben tollerato e non sono stati rilevati nuovi segnali di sicurezza.
Sembra che la malattia epatica limitante la vita sia prevenuta con l'inizio precoce del trattamento.
Lo screening neonatale è stato il modo più efficace per garantire un trattamento precoce.
Il monitoraggio standardizzato dei livelli ematici di tirosina, fenilalanina e di Nitisinone ha il potenziale per guidare una terapia individualizzata. ( Xagena2021 )

Spiekerkoetter U et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2021; 9: 427-435

Endo2021 MalRar2021 Med2021 Farma2021


Indietro