Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Sicurezza a lungo termine di Siltuximab in pazienti con malattia di Castleman idiopatica multicentrica


Siltuximab ( Sylvant ) è raccomandato dal Consenso internazionale come trattamento di prima linea per la malattia di Castleman idiopatica multicentrica sulla base di dati di efficacia e sicurezza durevoli.
È stato condotto uno studio per valutare la sicurezza e l'attività a lungo termine di Siltuximab per un periodo fino a 6 anni di trattamento.

Lo studio era una analisi di estensione in aperto prespecificata di uno studio di fase 1 e uno studio di fase 2, condotti in 26 ospedali in tutto il mondo.
I pazienti di entrambi gli studi avevano almeno 18 anni con malattia di Castleman sintomatica istologicamente confermata.

Lo studio di estensione ha arruolato 60 pazienti che hanno completato i precedenti studi senza progressione della malattia con Siltuximab.
I pazienti hanno ricevuto infusioni di Siltuximab 11 mg/kg ogni 3 settimane che potevano essere estese a 6 settimane per un massimo di 6 anni.

L'endpoint primario era la sicurezza di Siltuximab, valutata a ogni ciclo di dosaggio.

L'arruolamento dei pazienti alla sperimentazione di fase 1 è avvenuta nel periodo 2005-2009 e l'arruolamento alla sperimentazione di fase 2 nel periodo 2010-2012.
I pazienti sono stati arruolati nell’estensione a lungo termine dal 2011 fino al 2014.
Il follow-up mediano è stato di 6 anni.
La durata del trattamento mediano, dall'inizio degli studi precedenti alla fine del presente studio, è stata di 5.5 anni.

Siltuximab è risultato ben tollerato; tuttavia, sono stati segnalati eventi avversi di grado 3 o peggiore in 36 pazienti su 60 ( 60% ) con ipertensione ( 8, 13% ), affaticamento ( 5, 8% ), nausea ( 4, 7% ), neutropenia ( 4, 7% ) e vomito ( 3, 5% ).
25 pazienti ( 42% ) hanno riportato almeno un evento avverso grave, il quale più comunemente era una infezione ( 8, 13% ).

Solo 2 eventi avversi gravi, la policitemia e la ritenzione urinaria, sono stati considerati correlati al trattamento con Siltuximab.
18 pazienti hanno sospeso prima del completamento dello studio, per ricevere Siltuximab localmente ( 8 ) o per malattia progressiva ( 2 ), eventi avversi ( 2 ) o altri motivi ( 6 ).
Non sono stati riportati decessi.

Questi risultati hanno mostrato che Siltuximab è ben tollerato a lungo termine e fornisce prove importanti per l'uso a lungo termine richiesto dai pazienti con malattia di Castleman idiopatica multicentrica. ( Xagena2020 )

van Rhee F et al, Lancet Haematology 2020; 7: 209-217

Emo2020 MalRar2020 Med2020 Farma2020


Indietro