XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Pazienti con distrofia muscolare di Duchenne, trattati con Eteplirsen: stabilità al test del cammino fino alla settimana 120


Sarepta Therapeutics ha annunciato i dati fino alla settimana 120 dello Studio 202, un studio di estensione di fase IIb in aperto riguardante Eteplirsen in pazienti con distrofia muscolare di Duchenne ( DMD ).
I risultati superiori a due anni hanno mostrato una continua stabilizzazione della capacità di deambulazione nei pazienti trattati con Eteplirsen valutati mediante test del cammino in 6 minuti ( 6MWT ).

Lo Studio 202 aveva incontrato il suo endpoint primario, rappresentato dall’aumento di nuova distrofina, valutato mediante biopsia muscolare alla settimana 48.

A 120 settimane, i pazienti nelle coorti di Eteplirsen 30 mg/kg e 50 mg/kg, che erano in grado di eseguire il test 6MWT ( n=6 ) hanno presentato un calo di 13.9 metri ( inferiore al 5% ), rispetto al basale, nella capacità di deambulazione.

Un beneficio statisticamente significativo del trattamento pari a 64.9 metri ( p minore o uguale a 0.006 ) è stato osservato per la coorte con trattamento ritardato ( n=4 ), che avevano avviato il trattamento alla settimana 25 dopo 24 settimane di placebo.
La coorte con trattamento ritardato ha anche dimostrato una stabilizzazione della capacità di camminare per più di 1.5 anni, a partire dalla settimana 36 alla settimana 120, il periodo in cui livelli significativi di distrofina sono stati probabilmente prodotti, con un calo di 9.5 metri oltre questo lasso di tempo.
Queste analisi sono state basate sul punteggio massimo del test 6MWT quando l’esame è stato eseguito in due giorni consecutivi.

Fino alla settimana 120, Eteplirsen è risultato ben tollerato e non sono state riscontrate reazioni avverse clinicamente significative correlate al trattamento e nessuna grave reazione avversa associata al trattamento.
Inoltre, non ci sono stati ricoveri ospedalieri o interruzioni del trattamento.

La distrofia muscolare di Duchenne è una rara malattia neuromuscolare degenerativa legata al cromosoma X che causa una grave, progressiva, perdita di massa muscolare e morte prematura.
La distrofia muscolare di Duchenne colpisce circa un banbino su 3.500 nati in tutto il mondo.

La distrofia muscolare di Duchenne è associata a errori specifici nel gene che codifica per la distrofina, una proteina che svolge un ruolo strutturale chiave nella funzione delle fibre muscolari. Una progressiva debolezza muscolare degli arti inferiori si diffonde successivamente alle braccia, al collo e ad altre aree. Alla fine, a causa di una crescente difficoltà a respirare per la disfunzione dei muscoli respiratori questi pazienti hanno necessità di ventilazione meccanica; inoltre la disfunzione miocardica può portare allo sviluppo di insufficienza cardiaca.
La condizione è sempre letale, e la morte di solito si verifica prima dei 30 anni.

Eteplirsen è un farmaco sperimentale che consente la produzione di una distrofina funzionale.
Eteplirsen utilizza la chimica PMO ( oligomeri morfolino fosforodiamidato ) e la tecnologia exon-skipping per saltare l'esone 51 del gene della distrofina, permettendo la riparazione di specifiche mutazioni genetiche che colpiscono circa il 13% della popolazione totale affetta da distrofia muscolare di Duchenne.
Saltando l’esone 51, Eteplirsen può ripristinare la capacità del gene di produrre una più corta, ma ancora funzionante, forma di distrofina dal RNA messaggero.
Promuovere la sintesi di distrofina troncata può permettere di stabilizzare o rallentare notevolmente il processo patologico e prolungare e migliorare la qualità di vita dei pazienti con distrofia muscolare di Duchenne. ( Xagena2014 )

Fonte: Sarepta Therapeutics , 2014

MalRar2014 Med2014 Neuro2014 Pneumo2014 Farma2014


Indietro