XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it

Incontinentia pigmenti, displasia ectodermica multisistemica dominante legata al cromosoma X


L'incontinentia pigmenti è una rara displasia ectodermica multisistemica dominante legata all'X. Di solito letale nei maschi, esordisce in epoca neonatale nelle femmine con rash bolloso associato a linee di Blaschko, seguito da placche verrucose che evolvono in disegni iperpigmentati a spirale. Si osservano anomalie dei denti, alopecia, distrofia ungueale. Di rado interessa la retina e il sistema nervoso centrale.

La prevalenza alla nascita è di 1/142.857 ( rapporto femmina-maschio di 20:1 ).

I segni cutanei esordiscono tipicamente nel periodo perinatale con un rash vescicolare eritematoso ( stadio bolloso I ), che segue le linee di Blaschko: lineare sugli arti, a spirale su tronco e testa.
Lo stadio I evolve in pochi mesi nello stadio verrucoso II, con placche simil-verrucose che durano settimane-mesi.
Lo stadio dell'iperpigmentazione III, che segue le linee di Blaschko, si manifesta dopo alcuni mesi, spesso su tronco e arti, e può persistere fino all'età adulta.
I tre stadi non sono consequenziali: il rash dello stadio I può ricomparire durante una malattia febbrile. Lo stadio IV, che si presenta dopo l'adolescenza, si caratterizza per regioni glabre ipopigmentate che seguono le linee di Blaschko, più evidenti sugli arti inferiori.

Circa il 50% dei sintomi dell'incontinentia pigmenti è extracutaneo. Si osserva spesso ritardo della dentizione, assenza dei denti e/o denti di forma conica.
Altri segni sono l'onicodistrofia, l'alopecia, diverse anomalie oftalmologiche con neovascolarizzazione retinica e rischio di distacco retinico e microftalmia.
Le anomalie del sistema nervoso centrale, come la microcefalia e l'ictus neonatale, possono causare convulsioni, deficit motori e neurocognitivi. Il 60% dei pazienti è neurologicamente normale.

L'incontinentia pigmenti è causata da mutazioni familiari ( 10-20% ) o sporadiche de novo ( superiore al 50% ) del gene modulatore essenziale di NF-kappaB, IKBKG ( noto in precedenza come NEMO ). L'80% dei casi è dovuto a delezione comune degli esoni 4-10.

Sono sufficienti per la diagnosi di incontinentia pigmenti le lesioni cutanee tipiche e il test genetico. Possono essere presenti eosinofilia e leucocitosi.
L'esame istologico cutaneo mostra bolle spongiotiche eosinofile ( stadio I ); epidermide acantosica e ipercheratosica con cheratinociti discheratosici ( stadio II ); e depositi di melanina libera a livello del derma ( stadio III ).

La diagnosi differenziale nello stadio I si pone con l'impetigine bollosa, l'epidermolisi bollosa, l'herpes o la varicella; nello stadio II, con le verruche, il molluscum contagiosum e la sindrome del nevo epidermico; nello stadio III, con tutte le condizioni con pigmentazione lineare e a spirale; e, nello stadio IV, con la cicatrizzazione, la vitiligine, l'ipomelanosi di Ito, o altri tipi di ipopigmentazione con alopecia localizzata.
Altre diagnosi differenziali sono la sindrome di Naegeli-Franceschetti-Jadassohn e la malattia di Norrie.

La fertilità è normale, fatta eccezione per l'aborto dei feti maschi affetti. È disponibile la diagnosi prenatale genetica.

La trasmissione è dominante legata all'X. Una donna affetta ha il 50% di rischio di avere un figlio con l'incontinentia pigmenti. I maschi affetti nati vivi vanno sottoposti a un test per l'aneuploidia 47,XXY.

Il trattamento sintomatico prevede la presa in carico standard per le pustole ( non romperle, evitare traumi ), il trattamento topico ( farmaci, bagno di farina d'avena ) e la gestione delle infezioni ( come per la cellulite ).
Le anomalie dei denti devono essere trattate da un pedodontista, in combinazione con la logopedia e un programma di nutrizione pediatrica.
È necessario coinvolgere specialisti competenti per monitorizzare e trattare la neovascolarizzazione retinica ( crioterapia e fotocoagulazione laser ). Vanno seguite le procedure standard nel caso di distacco della retina.
Il coinvolgimento neurologico richiede il consulto di un neurologo pediatra, mentre si raccomandano il follow-up dello sviluppo e le terapie complementari nel caso di ritardo dello sviluppo.

L'aspettativa di vita è normale. Senza anomalie neonatali del sistema nervoso centrale, lo sviluppo fisico e cognitivo è normale. ( Xagena2013 )

Fonte: Orphanet, 2013

MalRar2013 Med2013 Dermo2013



Indietro