Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Pneumobase.it

I bambini con tirosinemia di tipo 1: il trattamento precoce con Nitisinone riduce la necessità di trapianto di fegato e migliora la funzione renale post-trapianto


La tirosinemia di tipo 1 ( HT1 ) è una rara malattia del metabolismo della tirosina che porta a insufficienza epatica e carcinoma epatocellulare.
In precedenza il trattamento consisteva nella restrizione dietetica e nel trapianto ortotopico di fegato ( OLT ), ma ha subito trasformazioni con l'introduzione di Nitisinone ( Orfadin ) nel 1992.

I ricercatori hanno descritto l'impatto del Nitisinone sull’esito e sulla necessità di trapianto di fegato in un unico Centro.

Un'analisi retrospettiva è stata condotta su pazienti trattati per tirosinemia ereditaria di tipo 1 presso il Children’s Hospital di Birmingham ( Gran Bretagna ) nel periodo 1989-2009.

Trentotto pazienti sono stati trattati nel corso del periodo di studio.

Prima del 1992 6 pazienti su 7 ( 85.7% ) sono stati sottoposti a trapianto di fegato rispetto a 7 su 31 ( 22.6% ) dopo il 1992 ( p = 0.004 ) quando il trattamento a base di Nitisinone era disponibile.

Inoltre i pazienti, trattati con Nitisinone, che hanno necessitato di trapianto di fegato, hanno iniziato il trattamento a una età media di 428 ( 86-821 ) giorni rispetto a 52 ( 2-990 ) giorni tra coloro che non erano stati trattati farmacologicamente ( p = 0.004 ).

La velocità di filtrazione glomerulare calcolata ( cGFR ) pre-trapianto è risultata simile in entrambi i gruppi, ma il Nitisinone ha impedito il precoce declino della funzione renale dopo trapianto di fegato ( mediana gruppo pre-Nitisinone da 99.8 a 45.8 ml/min/1.73 m2, p = 0.02 vs mediana gruppo trattato con Nitisinone da 104.3 a 89.9 ml/min/1.73 m2, p = 0.5 ).

Il rapporto urinario proteina / creatinina è sceso post-trapianto entro il range normale per quelli trattati con Nitisinone, ma è rimasto elevato in quelli non-trattati con Nitisinone.

Il riassorbimento tubulare di fosfato era normale o quasi normale in entrambi i gruppi pre-trapianto e post-trapianto.

L’ipertensione era più comune e più grave in quelli non-trattati con Nitisinone.

Dallo studio è emerso che il Nitisinone ha ridotto la necessità di trapianto di fegato in particolare quando il trattamento è stato iniziato in fase precoce.
Per coloro in cui la malattia è progredita fino a trapianto di fegato l'uso in precedenza della terapia con Nitisinone ha comportato conservazione della funzione renale. ( Xagena2014 )

Bartlett DC et al, J Inherit Metab Dis 2014; 37: 745-752

Malrar2014 Med2014 Endo2014 Farma2014 Gastro2014 Chiru2014 Nefro2014


Indietro