Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Vertigini
Xagena Newsletter

Fenfluramina per crisi epilettiche resistenti al trattamento nei pazienti con sindrome di Dravet che ricevono regimi con Stiripentolo


Il trattamento con Fenfluramina può ridurre la frequenza mensile delle crisi convulsive nei pazienti con sindrome di Dravet che hanno uno scarso controllo delle crisi con i loro attuali regimi di farmaci antiepilettici contenenti Stiripentolo.

Si è determinato se la Fenfluramina sia in grado di ridurre la frequenza mensile delle crisi convulsive rispetto al placebo nei pazienti con sindrome di Dravet che stavano assumendo regimi che includevano lo Stiripentolo.

È stato condotto in più Centri uno studio clinico randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli.
I pazienti idonei erano bambini di età compresa tra 2 e 18 anni con una diagnosi clinica confermata di sindrome di Dravet che stavano ricevendo regimi farmacologici antiepilettici stabili, comprensivi di Stiripentolo.

I pazienti con 6 o più crisi convulsive durante il periodo basale di 6 settimane sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Fenfluramina, 0.4 mg/kg/die ( massimo, 17 mg/die ) oppure un placebo.
Dopo la titolazione ( 3 settimane ), i dosaggi assegnati ai pazienti sono stati mantenuti per altre 12 settimane.
Le crisi convulsive sono state registrate giornalmente.

L'endpoint primario di efficacia era la variazione della frequenza mensile media delle crisi convulsive tra Fenfluramina e placebo durante i periodi combinati di titolazione e mantenimento rispetto al basale.

Sono stati identificati in totale 115 pazienti eleggibili; di questi, 87 ( età media 9.1 anni; 50 pazienti maschi, 57%; frequenza media di crisi al basale, circa 25 crisi convulsive al mese ) sono stati arruolati e randomizzati a Fenfluramina, 0.4 mg/kg/die ( n=43 ) oppure placebo ( n=44 ).

I pazienti trattati con Fenfluramina hanno ottenuto una riduzione maggiore del 54.0% ( P minore di 0.001 ) nella frequenza media mensile delle crisi convulsive rispetto a quelli che hanno ricevuto il placebo.

Con Fenfluramina, il 54% dei pazienti ha dimostrato una riduzione clinicamente significativa del 50% o superiore della frequenza mensile di crisi convulsive rispetto al 5% con placebo ( P minore di 0.001 ).

Il più lungo intervallo mediano libero da crisi è stato di 22 giorni con Fenfluramina e 13 giorni con placebo ( P=0.004 ).

Gli eventi avversi più comuni sono stati diminuzione dell'appetito ( 19 pazienti che assumevano Fenfluramina, 44%, vs 5 che assumevano placebo, 11% ), affaticamento ( 11, 26%, vs 2, 5% ), diarrea ( 10, 23%, vs 3, 7% ) e piressia ( 11, 26%, vs 4, 9% ).
Il monitoraggio cardiaco non ha dimostrato alcuna evidenza clinica o ecocardiografica di cardiopatia valvolare o ipertensione arteriosa polmonare.

La Fenfluramina ha dimostrato miglioramenti significativi nella frequenza mensile di crisi convulsive in pazienti con sindrome di Dravet le cui condizioni non erano sufficientemente controllate con regimi di farmaci antiepilettici che includevano Stiripentolo.
La Fenfluramina è risultata generalmente ben tollerata e può rappresentare una nuova opzione di trattamento per la sindrome di Dravet. ( Xagena2020 )

Nabbout R et al, JAMA Neurol 2020; 77: 300-308

Neuro2020 MalRar2020 Med2020 Farma2020


Indietro