XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it

Elevati livelli di TNF-alfa associati a dolore e a disabilità fisica nella mucopolisaccaridosi di tipo I, II e VI


I bambini e gli adulti con malattia da accumulo lisosomiale mucopolisaccaridosi ( MPS ) di tipo I, II e VI hanno una vita più breve permeata da dolore cronico e disabilità fisica.
Gli attuali trattamenti non alleviano questi problemi. Vi è quindi necessità di comprendere il meccanismo del dolore cronico e la disabilità nella mucopolisaccaridosi, al fine di migliorare il modo in cui si trattano i pazienti.
Un obiettivo potenziale è l'infiammazione.

Si è ipotizzato che l'infiammazione eccessiva mediata dalla via infiammatoria del fattore di necrosi tumorale-alfa ( TNF-alfa ) sia la causa fondamentale di gran parte del dolore cronico e della disabilità fisica nella mucopolisaccaridosi.

Sono stati arruolati 55 pazienti con mucopolisaccaridosi di tipo I, II, o VI nel corso di uno studio prospettico di 5 anni e sono stati valutati annualmente per 2-5 anni.
Sono stati arruolati 51 controlli sani in uno studio trasversale, separato, del metabolismo osseo ed energetico.
Il TNF-alfa è stato misurato mediante ELISA.

Il dolore e la disabilità fisica sono stati misurati mediante la scala CHQ-PF50 ( Children's Health Questionnaire - Parent Form 50 ).
Sono state valutate le differenze nei livelli di TNF-alfa log-trasformati e le associazioni coi domini CHQ.

I livelli di TNF-alfa sono stati misurati in 48 pazienti con mucopolisaccaridosi ( età: 5-17 anni; 35% donne ) e 51 controlli ( età: 8-17 ani; 53% donne ).

Tra i casi di mucopolisaccaridosi, 22 ( 46% ) sono stati trattati con il trapianto di cellule ematopoietiche ( HCT ) da solo, 24 ( 50% ) con la terapia di sostituzione enzimatica ( ERT ) da sola, e 2 ( 4% ) sia con trapianto di cellule ematopoietiche che con terapia di sostituzione enzimatica.

I livelli di TNF-alfa sono risultati superiori nei casi di mucopolisaccaridosi rispetto ai controlli sani ( P minore di 0.001 ).

Alti livelli di TNF-alfa erano associati ad aumento del dolore e a diminuzione della funzionalità fisica, limitazioni sociali dovute alla salute fisica, e punteggio di sommatoria fisica ( tutti P inferiore a 0.05 ).

I livelli di TNF-alfa non sono risultati significativamente associati con il punteggio di salute generale e non sono cambiati in modo significativo nel corso del tempo nella mucopolisaccaridosi.

In conclusione, alti livelli di TNF-alfa sono implicati nel dolore e nella diminuita funzione fisica presente negli individui con mucopolisaccaridosi nonostante il trattamento con terapia enzimatica sostitutiva e/o trapianto di cellule ematopoietiche, suggerendo che l’inibizione del TNF-alfa potrebbe essere una terapia aggiuntiva potenzialmente utile.
Sono indicate ulteriori indagini sul ruolo della inibizione del TNF-alfa nella mucopolisaccaridosi per diminuire il dolore e migliorare la funzione fisica. ( Xagena2016 )

Polgreen LE et al, Mol Genet Metab 2016; 117: 427-430

MalRar2016 Med2016 Endo2016



Indietro