Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Cardiobase

Efficacia e sicurezza di Everolimus nei bambini con epilessia associata a sclerosi tuberosa complessa


L'epilessia si verifica in circa il 90% di tutte le persone con sclerosi tuberosa complessa.
Nel 67% dei casi l'insorgenza della malattia avviene durante l'infanzia.
Nel 50% o più dei casi le crisi epilettiche sono refrattarie alle opzioni di trattamento attualmente disponibili.

L’inibitore di mTOR Everolimus ( Votubia ) è stato approvato per il trattamento dell’astrocitoma a cellule giganti subependimale ( SEGA ) e della angiomiolipoma renale ( AML ) in Europa nel 2011.
Le sue proprietà anticonvulsivanti / antiepilettiche sono promettenti, ma l'evidenza è ancora limitata.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Everolimus nei bambini e negli adolescenti con epilessia associata a sclerosi tuberosa complessa.

I criteri di inclusione nello studio monocentrico, in aperto, prospettico, sono stati: diagnosi accertata di sclerosi tuberosa complessa; età di 18 anni o inferiore; indicazione di trattamento per Everolimus secondo le linee guida della Commissione europea; epilessia farmaco-resistente associata a sclerosi tuberosa complessa; follow-up prospettico continuo per almeno 6 mesi dopo l'inizio del trattamento; consenso informato a partecipare.

Everolimus è stato somministrato per via orale una volta al giorno, a partire da 4.5 mg/m2 e titolato per raggiungere concentrazioni ematiche di valle tra 5 e 15 ng/ml.

L'endpoint primario era la riduzione della frequenza delle crisi del 50% o più rispetto al basale.

Hanno soddisfatto i criteri di inclusione 15 pazienti ( 9 maschi ) con un'età media di 6 anni.
Il 26% ( 4/15 ) aveva mutazioni TSC1, il 66% ( 10/15 ) aveva mutazioni TSC2.
In un paziente non è stata rilevata alcuna mutazione.

Il tempo mediano di osservazione dopo l'inizio del trattamento è stato di 22 mesi.

All’ultima osservazione, 80% ( 12/15 ) dei pazienti era responder, 58% dei quali ( 7/12 ) era libero da crisi.

La riduzione complessiva della frequenza delle crisi è stata del 60% nelle crisi focali, 80% nelle crisi tonico-cloniche generalizzate e 87% nelle crisi con caduta.

L'effetto di Everolimus è stato osservato già a basse dosi, subito dopo l'inizio del trattamento.
Non è stata riscontrata perdita di efficacia nel tempo.

Effetti collaterali transitori sono stati osservati nel 93% ( 14/15 ) dei pazienti.
In nessun caso il farmaco ha dovuto essere interrotto.

In conclusione, Everolimus sembra essere un'opzione di trattamento efficace non solo per astrocitoma a cellule giganti subependimale e angiomiolipoma renale, ma anche per le epilessie correlate a sclerosi tuberosa complessa.
Anche se ci sono potenziali gravi effetti collaterali, il trattamento è stato ben tollerato dalla maggior parte dei pazienti, a condizione che i pazienti siano sotto stretta sorveglianza da parte di epilettologi che hanno familiarità con i farmaci immunosoppressori. ( Xagena2016 )

Samueli S et al, Orphanet Journal of Rare Diseases 2016; 11: 145

MalRar2016 Med2016 Neuro2016 Pedia2016 Farma2016


Indietro