Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Gastrobase.it

Efficacia e sicurezza del Benzoato di sodio per via endovenosa nei disordini del ciclo dell'urea


L'efficacia e la sicurezza del Benzoato di sodio per via endovenosa per il trattamento di episodi acuti di iperammoniemia nei disordini del ciclo dell'urea sono ben note.
Tuttavia, i dati pubblicati non forniscono un quadro chiaro dei benefici e dei rischi di questo farmaco.

E’ stato riportato uno studio multicentrico retrospettivo sull'uso di Benzoato di sodio per via endovenosa nei pazienti trattati per disordini del ciclo dell'urea tra il 2000 e il 2010 in 6 Centri di riferimento francesi per le malattie metaboliche.

61 pazienti con disordini degli enzimi del ciclo dell'urea ( 22 ornitina transcarbamilasi [ 20 confermati, 2 sospetti ]; 18 arginino-succinato sintetasi; 15 carbamoilfosfato sintetasi; 3 arginosuccinato liasi; 1 deficit di arginasi; 1 N-acetilglutammato sintetasi; 1 sindrome HHH [ sindrome della tripla H ] ) hanno richiesto Benzoato di sodio per via endovenosa nel corso di 95 episodi acuti ( ammoniaca [ NH3 ] maggiore di 100 micromol/l o situazioni ad alto rischio, come gastroenterite, chirurgia ).

40 dei 61 pazienti hanno avuto un solo episodio di decompensazione ( coma neonatale, 68.6% ).
La causa più frequente di decompensazione tardiva è stata l’infezione ( 55.5% ).

Una dose di carico di Sodio benzoato per via endovenosa ( mediana 250 mg/kg in 2 ore ) è stata somministrata per 41 episodi acuti su 95.

La dose di mantenimento media è stata di 246.1 mg/kg/die, somministrata per infusione venosa periferica in tutti i casi tranne uno tramite una linea centrale.

La durata totale mediana del trattamento con Sodio benzoato endovenoso per episodio è stata di 2 giorni ( 0-13 giorni ).

La durata mediana di ricovero in Unità di terapia intensiva e metabolica è stata di 4 giorni ( 0-17 giorni ) e 10 giorni ( 0-70 giorni ), rispettivamente.
8 pazienti sono morti durante il coma neonatale ( n=6 ) o la chirurgia ( n=2 ).

Il livello di ammoniemia medio prima del trattamento è stato di 245.5 micromol/l; è sceso a 40.0 mmol/l nei pazienti che erano vivi alla fine del trattamento con Benzoato di sodio per via endovenosa.

Una diminuzione del livello di ammonio a 100 micromol/l o meno è stata ottenuta nel 92.8% degli episodi ( 64/69 degli episodi osservati per i 53 pazienti sopravvissuti ).

5 pazienti hanno richiesto un altro trattamento per iperammoniemia ( Fenilacetato di sodio + Sodio benzoato, emofiltrazione ).

Sono stati riportati 18 effetti indesiderati relativi alla infusione endovenosa ( diffusione locale, edema ).

In conclusione, lo studio retrospettivo a 10 anni ha mostrato che il Benzoato di sodio per via endovenosa associato a un regime di emergenza è un trattamento efficace e sicuro per gli episodi acuti di disordini degli enzimi del ciclo dell’urea. ( Xagena2016 )

Husson MC et al, Orphanet Journal of Rare Diseases 2016; 11: 127

MalRar2016 Uro2016 Farma2016


Indietro