Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Gastrobase.it

Eculizumab nel disturbo dello spettro della neuromielite ottica acquaporina-4-positiva


Il disturbo dello spettro della neuromielite ottica ( NMOSD ) è un disturbo infiammatorio, autoimmune e recidivante che colpisce tipicamente i nervi ottici e il midollo spinale. Almeno due terzi dei casi sono associati ad anticorpi anti-acquaporina-4 ( AQP4-IgG ) e a danno del sistema nervoso centrale mediato dal complemento.
In un precedente studio di piccole dimensioni, in aperto, condotto su pazienti con malattia AQP4-IgG-positiva, Eculizumab ( Soliris ), un inibitore del complemento terminale, ha dimostrato di ridurre la frequenza delle recidive.

In uno studio randomizzato, in doppio cieco, time-to-event, 143 adulti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Eculizumab per via endovenosa ( a una dose di 900 mg alla settimana per le prime quattro dosi a partire dal primo giorno, seguite di 1.200 mg ogni 2 settimane a partire dalla settimana 4 ) oppure placebo corrispondente.
È stato consentito l'uso continuativo della terapia immunosoppressiva a dosi stabili.

L'endpoint primario era la prima recidiva. Gli esiti secondari includevano il tasso di recidiva annualizzato, le misure di qualità di vita e il punteggio sulla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ), che varia da 0 ( nessuna disabilità ) a 10 ( decesso ).

Lo studio è stato interrotto dopo 23 delle 24 recidive prespecificate, data l'incertezza nella stima su quando si sarebbe verificato l'evento finale.

Il tasso medio di recidiva annualizzato nei 24 mesi precedenti l'arruolamento è stato pari a 1.99; il 76% dei pazienti ha continuato a ricevere la precedente terapia immunosoppressiva durante lo studio.

Le recidive si sono verificate in 3 pazienti su 96 ( 3% ) nel gruppo Eculizumab e in 20 su 47 ( 43% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.06; P minore di 0.001 ).
Il tasso di recidiva annualizzato assegnato è stato pari a 0.02 nel gruppo Eculizumab e 0.35 nel gruppo placebo ( rate ratio, RR=0.04; P minore di 0.001 ).

La variazione media del punteggio alla scala EDSS è stata di -0.18 nel gruppo Eculizumab e 0.12 nel gruppo placebo ( differenza media dei minimi quadrati, -0.29 ).

Infezioni del tratto respiratorio superiore e mal di testa sono stati più comuni nel gruppo Eculizumab.

C'è stato un decesso per empiema polmonare nel gruppo Eculizumab.

Tra i pazienti con NMOSD AQP4-IgG-positiva, quelli che hanno ricevuto Eculizumab hanno avuto un rischio significativamente più basso di recidiva rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo.
Non vi è stata alcuna differenza significativa tra i gruppi nelle misure di progressione della disabilità. ( Xagena2019 )

Pittock SJ et al, N Engl J Med 2019; 381: 614-625

Neuro2019 MalRar2019 Med2019 Farma2019


Indietro