Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Reumabase.it

Cerliponase alfa intraventricolare per ceroidolipofuscinosi neuronale di tipo 2


La tripeptidil peptidasi 1 ricombinante umana ( Cerliponase alfa; Brineura ) è una terapia enzimatica sostitutiva che è stata sviluppata per il trattamento della lipofuscinosi ceroide neuronale di tipo 2 ( CLN2 ), una rara malattia lisosomiale che causa progressiva demenza nei bambini.

In uno studio multicentrico, in aperto, è stato valutato l'effetto dell'infusione intraventricolare di Cerliponase alfa ogni 2 settimane nei bambini con malattia CLN2 di età compresa tra 3 e 16 anni.
Il trattamento è stato iniziato con una dose di 30 mg, 100 mg o 300 mg; tutti i pazienti hanno quindi ricevuto la dose da 300 mg per almeno 96 settimane.

L'esito primario era il tempo fino a un declino di 2 punti nel punteggio dei domini motori e linguistici della scala di valutazione clinica di CLN2 ( da 0 a 6, con 0 che rappresenta nessuna funzione e 3 che rappresenta la normale funzione in ciascuno dei due domini ), che è stato confrontato con il tempo fino a un calo di 2 punti in 42 controlli storici.

È stato anche confrontato il tasso di declino nel punteggio motorio tra i due gruppi, utilizzando i dati dal basale all'ultima valutazione con un punteggio superiore a 0, diviso per la lunghezza del follow-up ( in unità di 48 settimane ).

Sono stati arruolati 24 pazienti, 23 dei quali costituivano la popolazione di efficacia.

Il tempo mediano fino al declino di 2 punti nel punteggio motorio e di linguaggio non è stato raggiunto per i pazienti trattati ed è stato di 345 giorni per i controlli storici.
Il tasso di declino medio non aggiustato nel punteggio motorio e di linguaggio per 48 settimane è stato di 0.27 punti nei pazienti trattati e di 2.12 punti nei 42 controlli storici ( differenza media, 1.85; P minore di 0.001 ).

Eventi avversi comuni hanno compreso convulsioni, piressia, vomito, reazioni di ipersensibilità e insufficienza del dispositivo intraventricolare.
In 2 pazienti, si sono sviluppate infezioni nel dispositivo intraventricolare che è stato utilizzato per somministrare l'infusione, con necessità di trattamento antibiotico e sostituzione del dispositivo.

In conclusione, l'infusione intraventricolare di Cerliponase alfa in pazienti con malattia CLN2 ha comportato un declino minore della funzione motoria e del linguaggio rispetto a quello dei controlli storici.
Eventi avversi gravi hanno incluso l’insufficienza del dispositivo intraventricolare e infezioni correlate al dispositivo. ( Xagena2018 )

Schulz A et al, N Engl J Med 2018; 378: 1898-1907

MalRar2018 Med2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro