Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Ematobase.it

Canakinumab per il trattamento delle sindromi autoinfiammatorie da febbre ricorrente


La febbre mediterranea familiare, il deficit di mevalonato chinasi ( noto anche come sindrome da iperimmunoglobulinemia D ) e la sindrome periodica associata al recettore del fattore di necrosi tumorale ( TRAPS ) sono malattie autoinfiammatorie monogeniche caratterizzate da ricorrenti riacutizzazioni della febbre.

Sono stati assegnati casualmente pazienti con febbre mediterranea familiare resistente alla Colchicina, deficit di mevalonato chinasi o TRAPS, al momento di una riacutizzazione, a ricevere 150 mg di Canakinumab ( Ilaris ) per via sottocutanea o placebo ogni 4 settimane.
I pazienti che non hanno avuto una risoluzione della loro riacutizzazione hanno ricevuto una iniezione aggiuntiva di 150 mg di Canakinumab.

L'endpoint primario era la risposta completa ( risoluzione della riacutizzazione e nessuna riacutizzazione fino alla settimana 16 ).
Nella fase successiva fino alla settimana 40, i pazienti che avevano avuto una risposta completa sono stati sottoposti a una seconda randomizzazione per ricevere Canakinumab oppure placebo ogni 8 settimane.
I pazienti sottoposti a una seconda randomizzazione e con una successiva riacutizzazione e tutti gli altri pazienti hanno ricevuto Canakinumab in aperto.

Alla settimana 16, un numero significativamente maggiore di pazienti trattati con Canakinumab ha avuto una risposta completa rispetto a quelli trattati con placebo: 61% versus 6% dei pazienti con febbre mediterranea familiare resistente alla Colchicina ( P minore di 0.001 ), 35% vs 6% di quelli con deficit di mevalonato chinasi ( P=0.003 ) e 45% vs 8% di quelli con TRAPS ( P=0.006 ).

L'inclusione di pazienti la cui dose è stata aumentata a 300 mg ogni 4 settimane ha prodotto una risposta completa nel 71% di quelli con febbre mediterranea familiare resistente alla Colchicina, nel 57% di quelli con deficit di mevalonato-chinasi e nel 73% di quelli con TRAPS.

Dopo la settimana 16, un regime posologico esteso ( ogni 8 settimane ) ha mantenuto il controllo della malattia nel 46% dei pazienti con febbre mediterranea familiare resistente alla Colchicina, nel 23% di quelli con deficit di mevalonato chinasi e nel 53% di quelli con TRAPS.

Tra i pazienti trattati con Canakinumab, gli eventi avversi segnalati più frequentemente sono stati infezioni ( 173.3, 313.5 e 148.0 per 100 anni-paziente tra i pazienti con febbre familiare mediterranea resistente alla Colchicina, quelli con deficit di mevalonato chinasi e quelli con TRAPS, rispettivamente ), con alcune infezioni gravi ( 6.6, 13.7 e 0.0 per 100 anni-paziente ).

In conclusione, Canakinumab è risultato efficace nel controllare e prevenire riacutizzazioni in pazienti con febbre mediterranea familiare resistente alla Colchicina, carenza di mevalonato chinasi e TRAPS. ( Xagena2018 )

De Benedetti F et al, N Engl J Med 2018; 378: 1908-1919

MalRar2018 Med2018 Farma2018


Indietro