Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Acido Ascorbico nella malattia di Charcot-Marie-Tooth di tipo 1


L'Acido Ascorbico ha ridotto la gravità della neuropatia in topi transgenici che sovraespimevano PMP22 ( peripheral myelin protein 22 ), un modello di malattia di Charcot-Marie-Tooth di tipo 1A associato alla duplicazione di PMP22.

Tuttavia, in 3 studi di 1 anno, il trattamento con Acido Ascorbico non ha portato benefici nell'essere umano.

È stato condotto uno studio multicentrico di 2 anni per valutare efficacia e tollerabilità dell'Acido Ascorbico in pazienti con malattia di Charcot-Marie-Tooth di tipo 1A.

Pazienti adulti ( età 18-70 anni ) con malattia di Charcot-Marie-Tooth di tipo 1A sintomatica sono stati arruolati da 9 Centri in Italia e Regno Unito e sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1 a ricevere 1.5 g/die di Acido Ascorbico per via orale o placebo per 24 mesi.

La randomizzazione è stata stratificata per Centro e gravità della malattia.

Gli esiti secondari erano il tempo nel test di cammino in 10 minuti, il 9-hole peg test ( test dei 9 pioli; 9-HPT ), la scala generale di limitazione della neuropatia, la contrazione isometrica volontaria distale massima, le scale analogico-visive per dolore e fatigue, il questionario in forma breve a 36-voci e le misurazioni elettrofisiologiche.

I pazienti, i medici che li hanno trattati e quelli che hanno valutato gli esiti non erano a conoscenza del trattamento assegnato.

L'analisi dell'esito primario è stata effettuata su tutti i pazienti randomizzati che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Sono stati arruolati e randomizzati 277 pazienti, dei quali 6 ( 4 assegnati a ricevere Acido Ascorbico ) hanno ritirato il consenso prima di ricevere il trattamento; 138 trattati con Acido Ascorbico e 133 con placebo sono risultati idonei per l'analisi.

Il trattamento è risultato ben tollerato: 241 su 271 pazienti ( 89% in ciascun gruppo ) hanno completato lo studio; 20 pazienti ( 9 trattati con Acido Ascorbico ) hanno abbandonato lo studio a causa di eventi avversi.

Il valore medio del punteggio di neuropatia Charcot-Marie-Tooth al basale con inserimento dei dati mancanti è stato pari al 14.7 nel gruppo Acido Ascorbico e 13.9 nel gruppo placebo.

Il peggioramento medio nel punteggio di neuropatia Charcot-Marie-Tooth è stato di 0.2 nel gruppo Acido Ascorbico e 0.2 nel gruppo placebo ( differenza media 0.0; p=0.93 ).

Non sono state registrate differenze tra i gruppi per gli esiti secondari a 24 mesi.

Si sono manifestati 21 eventi avversi gravi in 20 pazienti, 8 nel gruppo Acido Ascorbico e 13 nel gruppo placebo.

In conclusione, la supplementazione con Acido Ascorbico non ha mostrato un effetto significativo sulla neuropatia rispetto a placebo dopo 2 anni, e questo non fornisce prove per supportare il trattamento con Acido Ascorbico in pazienti con malattia di Charcot-Marie-Tooth di tipo 1A. ( Xagena2011 )

Pareyson D et al, Lancet Neurol 2011; 10: 320-328

Neuro2011 MalRar2011 Farma2011


Indietro