Ibuprofene
Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa

9-cis-retinoidi orali per trattare la cecità infantile dovuta ad amaurosi congenita di Leber causata da mutazioni RPE65 o LRAT


L’amaurosi congenita di Leber, causata da mutazioni in RPE65 e LRAT, è una grave forma di degenerazione retinica ereditaria che porta alla cecità.
Uno studio ha valutato la sostituzione del cromoforo retinico 11-cis mancante con QLT091001 orale ( 9-cis-retinoico acetato sintetico ) in questi pazienti.

In uno studio in aperto, prospettico, di fase 1b, sono stati arruolati pazienti ( di età a partire da 6 anni ) con amaurosi congenita di Leber e mutazioni RPE65 o LRAT presso il McGill University's Montreal Children's Hospital.

I pazienti hanno ricevuto QLT091001 orale per 7 giorni ( 10-40 mg/m2 al giorno ).
I pazienti sono stati valutati al basale e ai giorni 7, 9, 14 e 30, e poi a 2 mesi e ogni 2 mesi successivi, per un massimo di 2.2 anni per i risultati di sicurezza e gli endpoint di funzione visiva tra cui campi visivi di Goldmann ( GVF ), acuità visiva e valutazione con risonanza magnetica funzionale.

E’ stato definito miglioramento della visione quando si è notato un miglioramento di almeno il 20% nella zona retinica nei campi visivi di Goldmann, rispetto al basale, o un miglioramento nella acutezza visiva di 5 o più lettere rispetto al basale in due visite consecutive ( o qualsiasi miglioramento da nessuna visione al basale ).

Nel periodo 2009-2011, sono stati arruolati e trattati 14 pazienti di età compresa tra 6 e 38 anni che sono stati seguiti fino a marzo 2012.

10 pazienti su 14 ( 71% ) hanno presentato un miglioramento nelle aree dei campi visivi di Goldmann ( aumento della superficie retinica media del 28-683% ). 6 pazienti ( 43% ) hanno avuto un miglioramento dell'acuità visiva ( aumento di 2-30 lettere in media ).

Sono stati osservati miglioramenti auto-segnalati o segnalati dai genitori nelle attività di vita quotidiana.

Dopo 2 anni, 11 pazienti ( 79% ) erano tornati alla loro zona retinica GVF basale e 10 ( 71% ) erano tornati ai valori di lettere della acuità visiva basale.

3 pazienti ( 21% ) hanno avuto una risposta GVF sostenuta e 4 ( 30% ) hanno presentato una risposta sostenuta di acuità visiva.

4 pazienti sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale, correlata con risposta visiva o assenza di risposta al trattamento.

Non si sono verificati eventi avversi gravi, anche se è stata notata cefalea transitoria ( n=11 ), fotofobia ( n=11 ), riduzione delle concentrazioni sieriche di HDL ( n=4 ) e aumento delle concentrazioni di trigliceridi ( n=8 ) e di aspartato aminotransferasi ( n=2 ).

La terapia non-invasiva con QLT091001 orale è risultata ben tollerata, e può rapidamente migliorare la funzione visiva in alcuni pazienti con amaurosi congenita di Leber e mutazioni RPE65 e LRAT. ( Xagena2014 )

Koenekoop et al, Lancet 2014;384:1513-1520

Oftalm2014 MalRar2014 Med2014 Farma2014


Indietro