XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it

Selumetinib nei bambini con neurofibromi plessiformi non-operabili


Non esistono terapie approvate per i neurofibromi plessiformi inoperabili in pazienti con neurofibromatosi di tipo 1.

È stato condotto uno studio in aperto di fase 2 su Selumetinib ( Koselugo ) per determinare il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) tra i pazienti con neurofibromi plessiformi e per valutare il beneficio clinico.
I bambini con neurofibromatosi di tipo 1 e neurofibromi plessiformi sintomatici non-operabili hanno ricevuto Selumetinib orale due volte al giorno a una dose di 25 mg per metro quadrato di superficie corporea secondo un programma di dosaggio continuo ( cicli di 28 giorni ).

La risonanza magnetica volumetrica e le valutazioni degli esiti clinici ( dolore, qualità di vita, deturpazione e funzione ) sono state eseguite almeno ogni 4 cicli.
I bambini hanno valutato l'intensità del dolore tumorale su una scala da 0 ( nessun dolore ) a 10 ( peggior dolore immaginabile ).

In totale 50 bambini ( età media, 10.2 anni ) sono stati arruolati da agosto 2015 ad agosto 2016.

I sintomi più frequenti correlati al neurofibroma sono stati deturpazione ( 44 pazienti ), disfunzione motoria ( 33 ) e dolore ( 26 ).

In totale 35 pazienti ( 70% ) hanno avuto una risposta parziale confermata nel 2019 e 28 di questi pazienti hanno avuto una risposta duratura ( durata maggiore o uguale a 1 anno ).

Dopo 1 anno di trattamento, la riduzione media dei punteggi di intensità del dolore del tumore segnalati dai bambini è stata di 2 punti, considerata un miglioramento clinicamente significativo.

Inoltre, sono stati osservati miglioramenti clinicamente significativi nell'interferenza del dolore segnalata dai bambini e dai genitori nel funzionamento quotidiano ( rispettivamente 38% e 50% ) e nella qualità di vita generale correlata alla salute ( rispettivamente 48% e 58% ) nonché nei risultati funzionali di forza ( 56% dei pazienti ) e range di movimento ( 38% dei pazienti ).

In tutto 5 pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di effetti tossici probabilmente correlati a Selumetinib e 6 pazienti hanno presentato progressione della malattia.
Gli effetti tossici più frequenti sono stati: nausea, vomito o diarrea; un aumento asintomatico del livello di creatinfosfochinasi; eruzione cutanea acneiforme; e paronichia.

In questo studio di fase 2, la maggior parte dei bambini con neurofibromatosi di tipo 1 e neurofibromi plessiformi inoperabili ha ottenuto una riduzione del tumore duratura e benefici clinici da Selumetinib. ( Xagena2020 )

Gross AM et al, N Engl J Med 2020; 382: 1430-1442

MalRar2020 Med2020 Onco2020 Neuro2020 Farma2020


Indietro