Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Dermabase.it

Satralizumab, un anticorpo monoclonale anti-recettore IL-6, riduce il rischio di recidiva nel disturbo dello spettro della neuromielite ottica


I risultati finali dello studio di fase III SAkuraStar riguardante Satralizumab come monoterapia per il disturbo dello spettro della neuromielite ottica ( NMOSD ), una rara malattia debilitante del sistema nervoso centrale, sono stati presentati al 35° Congresso ECTRIMS ( European Committee for Treatment and Research ).
Dallo studio è emerso che la monoterapia con Satralizumab ha prodotto una riduzione del 55% del rischio di recidive rispetto al placebo nella popolazione generale, rappresentativa dei pazienti con disturbo NMOSD ( hazard ratio [ HR ] = 0.45, intervallo di confidenza al 95% [ CI ]: 0.23-0.89; p = 0.0184 ).
Nell'ampio sottogruppo ( circa il 67% ) dei pazienti sieropositivi per anticorpi AQP4-IgG, l'effetto è risultato maggiore con una riduzione del 74% nel rischio di recidive ( HR = 0.26, IC al 95%: 0.11-0.63; p = 0.0014 ).
Le persone che sono sieropositive per AQP4-IgG tendono a sperimentare un più grave decorso della malattia.

Nella popolazione complessiva trattata con Satralizumab, il 76.1% era privo di ricadute a 48 settimane e il 72.1% era senza ricadute a 96 settimane, rispetto al 61.9% e al 51.2% con placebo.
I dati del sottogruppo sieropositivo per AQP4-IgG hanno mostrato che l'82.9% era privo di ricadute a 48 settimane e il 76.5% era senza ricadute a 96 settimane se trattato con Satralizumab, rispetto al 55.4% e al 41.1% con placebo.

Il disturbo dello spettro della neuromielite ottica è comunemente associato ad anticorpi patogenetici ( AQP4-IgG ) che colpiscono e danneggiano uno specifico tipo di cellula, gli astrociti, causando lesioni infiammatorie dei nervi ottici, del midollo spinale e del cervello.
Attraverso l'uso di un test diagnostico basato sui biomarcatori, la maggior parte dei pazienti con disturbo NMOSD viene identificata come sieropositiva per AQP4-IgG; tuttavia, almeno un terzo dei pazienti con disturbo dello spettro della neuromielite ottica sono sieronegativi per AQP4-IgG.
La condizione è spesso diagnosticata erroneamente come sclerosi multipla.

Satralizumab inibisce la segnalazione di IL-6, che si ritiene svolga un ruolo chiave nell'infiammazione che si verifica nelle persone con disturbo NMOSD, portando a danni e disabilità.
Le persone con disturbo dello spettro della neuromielite ottica sperimentano ricadute gravi e imprevedibili che causano direttamente un danno neurologico permanente e cumulativo.

Mentre è stato descritto per la prima volta 125 anni fa, la biologia di base del disturbo dello spettro della neuromielite ottica è stata compresa solo di recente.
I risultati positivi degli studi SAkuraStar e SAkuraSky supportano l'ipotesi che l'interleuchina-6 [ IL-6 ] svolga un ruolo chiave in questa malattia devastante, che priva le persone della loro indipendenza.

Questi dati di SAkuraStar si aggiungono ai risultati precedentemente riportati per Satralizumab in combinazione con la terapia basale per le persone con disturbo NMOSD.
I dati iniziali dello studio di fase III SAkuraSky sono stati presentati al 34° Congresso ECTRIMS nel 2018. I dati hanno mostrato una riduzione del 62% del rischio di recidive in una popolazione rappresentativa sia di pazienti sieropositivi per AQP4-IgG che sieronegativi per AQP4-IgG nella popolazione complessiva dello studio ( HR=0.38, IC 95%: 0.16-0.88; p = 0.0184 ) se usato in combinazione con la terapia di base rispetto al placebo, e riduzione del 79% del rischio di recidive nei pazienti sieropositivi per AQP4-IgG ( HR=0.21, 95% CI: 0.06-0.75; p = 0.0086 ).

Complessivamente, la percentuale di pazienti con eventi avversi gravi è risultata simile tra i gruppi di trattamento con la monoterapia a base di Satralizumab versus placebo nello studio SAkuraStar; e tra Satralizumab aggiunto alla terapia basale e il placebo aggiunto ai gruppi di trattamento con terapia basale nello studio SAkuraSky.
Un tasso più basso di infezioni ( incluse infezioni gravi ) è stato osservato nei pazienti trattati con Satralizumab rispetto al gruppo placebo.
In entrambi gli studi, la maggior parte degli eventi avversi erano lievi-moderati, e gli eventi avversi più comuni nel gruppo Satralizumab sono stati infezioni del tratto urinario e infezioni del tratto respiratorio superiore nello studio SAkuraStar, e infezione del tratto respiratorio superiore, rinofaringite ( raffreddore comune ) e cefalea nello studio SAkuraSky.

Dai due studi clinici controllati e randomizzati di fase III è emerso che Satralizumab potrebbe rappresentare una opzione efficace per un'ampia popolazione di pazienti con disturbo NMOSD, sia in monoterapia sia in combinazione con la terapia basale.
Satralizumab viene somministrato ogni quattro settimane mediante iniezione sottocutanea.

Il disturbo dello spettro della neuromielite ottica è una malattia autoimmune rara, permanente e debilitante del sistema nervoso centrale che danneggia principalmente i nervi ottici e il midollo spinale, causando cecità, debolezza muscolare e paralisi.
Le persone con disturbo NMOSD sperimentano recidive gravi e imprevedibili che causano direttamente danni e disabilità cumulativi, permanenti, neurologici. In alcuni casi, la ricaduta può provocare la morte.
Il disturbo NMOSD colpisce oltre 10.000 persone in Europa, 15.000 persone negli Stati Uniti e fino a centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo.
La malattia è più comune tra le donne non-caucasiche di 30 e 40 anni. ( Xagena2019 )

Fonte: Genentech, 2019

Neuro2019 MalRar2019 Med2019 Farma2019


Indietro