XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it

Malattia di Niemann-Pick di tipo C, caratteristiche


La malattia di Niemann-Pick di tipo C ( NP-C ) è un disordine atipico di accumulo lipidico neuroviscerale lisosomiale con un’incidenza stimata di 1 su 120.000 nati vivi. L’ampio spettro clinico varia da un disordine neonatale rapidamente fatale a una malattia neurodegenerativa cronica con esordio nella vita adulta.

Il coinvolgimento neurologico definisce la gravità della malattia nella maggior parte dei pazienti, ma è in genere preceduto da segni sistemici ( ittero colestatico nel periodo neonatale o isolata splenomegalia o epatosplenomegalia durante l'infanzia o la giovinezza ).
I primi sintomi neurologici variano con l'età di esordio: ritardo nello sviluppo motorio ( primo periodo infantile ), problemi di deambulazione, cadute, goffaggine, cataplessia, problemi scolastici ( periodo tardo-infantile e giovanile ) e atassia, non di rado in seguito a iniziali disturbi psichiatrici ( forma adulta ).

Il segno più caratteristico è la paralisi sopranucleare verticale dello sguardo. Il disturbo neurologico è composto principalmente da atassia cerebellare, disartria, disfagia, e demenza progressiva. Cataplessia, convulsioni e distonia sono altre caratteristiche comuni.

La malattia di Niemann-Pick C si trasmette in modo autosomico recessivo ed è causata da mutazioni dei geni NPC1 ( 95% delle famiglie ) o NPC2. Le funzioni esatte delle proteine NPC1 e NPC2 non sono ancora state chiarite.

La malattia di Niemann-Pick C è attualmente descritta come un difetto nel trasporto di colesterolo cellulare, ma nel cervello i lipidi immagazzinati prevalentemente sono gangliosidi.

L'esame clinico deve includere valutazioni neurologiche e oftalmologiche globali. La diagnosi di laboratorio primario richiede fibroblasti della pelle vivi per dimostrare l'accumulo di colesterolo non esterificato in vescicole perinucleari ( lisosomi ) dopo colorazione filipin.

Anomalie pronunciate sono riscontrate nell'80% dei casi circa; nella parte restante alterazioni da lievi a moderate ( fenotipo biochimico variante ).
La genotipizzazione dei pazienti è utile per confermare la diagnosi nei soggetti tardivi, e fondamentale per le future diagnosi prenatali.

La diagnosi differenziale può includere altre lipidosi; l’epatite neonatale idiopatica e altre cause di ittero colestatico dovrebbero essere prese in considerazione nei neonati, mentre le condizioni con atassia cerebellare, distonia, cataplessia e paralisi sopranucleare dello sguardo dovrebbero essere valutate nei bambini più grandi e negli adulti.

Il trattamento sintomatico dei pazienti è di fondamentale importanza.
Miglustat trova indicazione nel trattamento specifico delle manifestazioni neurologiche.
La prognosi è correlata in gran parte all'età di esordio delle manifestazioni neurologiche. ( Xagena2010 )

Vanier MT, Orphanet Journal of Rare Diseases 2010; 5:16


Neuro2010 MalRar2010


Indietro