Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Dermabase.it

Inibitore della C1 esterasi ricombinante umano per la profilassi dell'angioedema ereditario


L'angioedema ereditario è una malattia edematosa ricorrente, causata dal deficit dell'inibitore C1 funzionale.
Le infusioni di inibitore di C1 esterasi derivato dal plasma impediscono gli attacchi di angioedema ereditario, ma l'effetto profilattico dell'inibitore della C1 esterasi umano ricombinante non è stato studiato rigorosamente.
È stata valutata l'efficacia dell'inibitore della C1 esterasi ricombinante umano per la profilassi dell'angioedema ereditario.

È stato condotto uno studio crossover di fase 2, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo in dieci Centri in Canada, Repubblica Ceca, Israele, Italia, Macedonia, Romania, Serbia e Stati Uniti.
Sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 13 anni con concentrazioni di C1-inibitore funzionali inferiori al 50% del normale e una storia di 4 o più attacchi di angioedema ereditario al mese per almeno 3 mesi prima dell'inizio dello studio.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una delle 6 sequenze di trattamento.
Durante ogni sequenza, i pazienti hanno ricevuto un inibitore endovenoso della C1 esterasi umano ricombinante ( 50 UI/kg, massimo 4.200 UI ) due volte alla settimana, un inibitore della C1 esterasi umano ricombinante una volta a settimana e placebo una volta a settimana, e placebo due volte alla settimana, ciascuno per 4 settimane con un periodo di washout di 1 settimana tra crossover.

L'endpoint primario di efficacia era il numero di attacchi di angioedema ereditario osservati in ogni periodo di trattamento di 4 settimane.
I sintomi degli attacchi sono stati registrati ogni giorno.
L'analisi di efficacia primaria è stata effettuata nella popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una iniezione del farmaco in studio.

Tra il 2014 e il 2016, sono stati arruolati 35 pazienti, di cui 32 ( 91% ) sono stati sottoposti a randomizzazione ( popolazione intention-to-treat ) e 26 ( 81% ) hanno completato lo studio.

Il numero medio di attacchi di angioedema ereditario in 4 settimane è stato significativamente ridotto con l'inibitore della C1 esterasi ricombinante umano due volte a settimana ( 2.7 attacchi ) e una volta a settimana ( 4.4 attacchi ) rispetto al placebo ( 7.2 attacchi ), con differenze medie di -4.4 attacchi ( P minore di 0.0001 ) e -2.8 attacchi ( P=0.0004 ), rispettivamente.

Sono stati registrati eventi avversi in 10 ( 34% ) su 29 pazienti trattati con inibitore della C1 esterasi ricombinante umano due volte a settimana, in 13 ( 45% ) su 29 pazienti sottoposti al regime settimanale e in 8 ( 29% ) su 28 pazienti trattati con placebo
Mal di testa ( trattamento due volte a settimana ) e nasofaringite ( trattamento una volta a settimana ) sono stati gli eventi avversi più comuni.

Si sono verificati 2 eventi avversi ( 7% ) ( affaticamento e cefalea ) che sono stati ritenuti probabilmente correlati al trattamento con inibitore della C1 esterasi umano ricombinante, ma entrambi si sono risolti senza ulteriore trattamento.

Non sono stati riportati eventi trombotici o tromboembolici, reazioni allergiche sistemiche ( compresa l'anafilassi ) o anticorpi neutralizzanti.

La profilassi con inibitore della C1-esterasi ricombinante umano ha fornito riduzioni clinicamente rilevanti nella frequenza degli attacchi di angioedema ereditario ed è stata ben tollerata.
In considerazione del profilo farmacocinetico dell'inibitore della C1 esterasi ricombinante umano, i risultati suggeriscono che l'efficacia della terapia sostitutiva con C1-inibitore potrebbe non essere una funzione diretta delle concentrazioni plasmatiche di C1-inibitore. ( Xagena2017 )

Riedl MA et al, Lancet 2017; 390: 1595-1602

MalRar2017 Med2017 Farma2017


Indietro