Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Xagena Newsletter
Alliance Dermatite

Glybera, il primo farmaco di terapia genica approvato nell’Unione Europea per il trattamento dei pazienti affetti da deficit di lipoproteina lipasi


La Commissione Europea ha approvato Glybera ( Alipogene tiparvovec ), un farmaco di terapia genica per il trattamento dei pazienti affetti da deficit di lipoproteina lipasi ( LPLD, anche noto come iperchilomicronemia familiare ) che soffrono di attacchi ricorrenti di pancreatite acuta.
I pazienti affetti da LPLD, una malattia ereditaria molto rara, non riescono a metabolizzare i globuli di grasso presenti nel sangue, il che provoca l'infiammazione del pancreas ( pancreatite ), una condizione estremamente grave, dolorosa e potenzialmente mortale.

L'approvazione prevede che i pazienti vengano trattati con Glybera in Centri d'eccellenza dedicati e da medici appositamente formati.
Il deficit della lipoproteina lipasi è causato da una mutazione del gene di LPL, che provoca nei pazienti la diminuzione o l'assenza dell'attività dell'enzima LPL. Questo enzima è necessario per disgregare i globuli che trasportano il grasso e circolano nel sangue dopo ogni pasto. Quando i chilomicroni si accumulano nel sangue, possono ostruire i vasi sanguigni di piccolo calibro. Un eccesso di chilomicroni dà luogo a una grave infiammazione acuta ricorrente del pancreas, la pancreatite, che è anche la complicanza più debilitante del deficit di LPL.

Il deficit della lipoproteina lipasi colpisce 1-2 persone su un milione.

Glybera è stato testato in tre studi clinici sperimentali condotti nei Paesi Bassi e in Canada, a cui hanno preso parte complessivamente 27 pazienti.
In tutte le tre sperimentazioni cliniche, Glybera è risultato ben tollerato e non sono stati riscontrati problemi relativi alla sua sicurezza.
I dati desunti da tali sperimentazioni cliniche hanno indicato che la somministrazione di un'unica dose giornaliera di Glybera comporta un'attività biologica a lungo termine della proteina LPL. La lipoproteina lipasi è un enzima fondamentale per il metabolismo delle lipoproteine a seguito dell'assunzione di grassi attraverso l'alimentazione.
Negli studi clinici, si è potuta osservare nei singoli pazienti la riduzione transitoria dei trigliceridi fino a 12 settimane.
Inoltre, Glybera consente alla proteina LPL di installarsi nel muscolo in cui viene iniettata, dando luogo a un miglioramento del metabolismo dei chilomicroni nella fase postprandiale, riscontrato in un esiguo sottogruppo di pazienti.

Glybera contiene in un vettore la variante LPL S447X del gene della lipoproteina lipasi umana ( LPL ). Il vettore consiste in una struttura proteica derivata da un adeno-associato di sierotipo 1 ( AAV1 ), il promotore, un elemento di regolazione post-trascrizionale e sequenze ripetute in orientamento invertito alle estremità derivate dall'AAV2.

Glybera è indicato per il trattamento dei pazienti adulti affetti da deficit familiare della lipoproteina lipasi che soffrono di attacchi di pancreatite gravi o ricorrenti, nonostante una dieta rigorosa a basso tenore di grassi.
La diagnosi di deficit di LPL deve essere confermata da un test genetico.

La reazione avversa più comunemente riferita è il dolore alle estremità, che colpisce circa un terzo dei pazienti.
Dato l'esiguo numero di pazienti e la dimensione delle coorti, le reazioni avverse osservate non forniscono un quadro completo circa la natura e la frequenza di tali eventi. ( Xagena2012 )

Fonte: uniQure, 2012

MalRar2012 Med2012 Gastro2012 Farma2012


Indietro