Colifagina S
Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Alliance Dermatite

Gangliosidosi, malattie metaboliche geneticamente determinate caratterizzate da accumulo di gangliosidi nei lisosomi


Le gangliosidosi sono un gruppo di malattie metaboliche geneticamente determinate contraddistinte dall'accumulo di gangliosidi nei lisosomi, dovuto a deficit enzimatici della beta-galattosidasi-1 ( gangliosidosi GM1 ) o beta-esosaminidasi A o B e/o deficit dell’attivatore proteico di GM2 ( gangliosidosi GM2 ).

I gangliosidi sono glicolipidi particolarmente abbondanti nel sistema nervoso centrale e periferico.

Le gangliosidosi si presentano clinicamente con dismorfismi, interessamento neurologico e scheletrico, visceromegalia. La percentuale di attività enzimatica residua incide sull’esordio di malattia ( meno attività residua, più precoce sarà l’esordio ), sulle manifestazioni cliniche e sul decorso della malattia.

La malattia é ereditaria e trasmessa con modalità autosomica recessiva. In questo tipo di trasmissione entrambi i genitori sono portatori ( di un gene mutato ) e ad ogni gravidanza c'é il 25% di probabilità di avere un figlio affetto ( che ha ereditato entrambi i geni ).

La diagnosi viene effettuata mediante determinazione dell'attività enzimatica a livello plasmatico o cellulare ( leucociti del sangue periferico o fibroblasti prelevati mediante biopsia cutanea ), o analisi di mutazioni dei geni responsabili su DNA nucleare.
Il sospetto clinico di una gangliosidosi GM1 e GM2 dovrebbe essere posto in quei pazienti che presentano nell'infanzia degenerazione neurologica progressiva, o ritardo nello sviluppo con segni di modificazioni somatiche generalizzate, in modo particolare del sistema scheletrico e del tessuto connettivo, con o senza visceromegalia.
La diagnosi clinica dei pazienti con insorgenza dopo l'infanzia e/o in età adulta è più difficile, dal momento che non sono stati descritti specifici segni e sintomi, eccetto che per il decorso di deterioramento clinico e lievi deformità vertebrali comuni ai disordini dei carboidrati complessi.

Non esiste ad ora alcuna terapia farmacologica in grado di guarire le gangliosidosi. ( Xagena2016 )

Fonte: Ospedale San Raffaele Milano, 2016

MalRar2016 Med2016 Endo2016



Indietro