XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Fibrodisplasia ossificante progressiva, una malattia ereditaria che interessa il tessuto connettivo


La fibrodisplasia ossificante progressiva ( FOP ) è una malattia ereditaria gravemente disabilitante che interessa il tessuto connettivo. È caratterizzata da malformazioni congenite degli alluci e un'ossificazione eterotopica progressiva con formazione di osso qualitativamente normale in siti extrascheletrici caratteristici.

La prevalenza mondiale è circa 1/2.000.000.

I bambini con fibrodisplasia ossificante progressiva sembrano normali alla nascita, fatta eccezione per le malformazioni congenite degli alluci ( alluce valgo, malformazione del primo metatarso e/o monofalangismo ). Durante la prima decade di vita, possono insorgere episodi sporadici con tumefazioni ( riacutizzazioni ) dolorose a livello dei tessuti molli, spesso dovute a lesioni, iniezioni intramuscolari, infezioni virali, stretching muscolare, cadute o affaticamento. Queste riacutizzazioni trasformano i muscoli scheletrici, i tendini, i legamenti, le fasce e le aponeurosi in osso eterotopico, rendendo impossibile il movimento.

Sono stati descritti pazienti affetti da forme atipiche di fibrodisplasia ossificante progressiva, che presentano i segni classici della FOP associati a un segno aggiuntivo o a diversi segni atipici ( anemia aplastica concomitante, craniofaringioma, glaucoma infantile, ritardo della crescita; FOP plus ) o che presentano significative variazioni di uno o di entrambi i segni classici della fibrodisplasia ossificante progressiva ( alluci normali o grave accorciamento delle dita; varianti della FOP ).

La fibrodisplasia ossificante progressiva classica è dovuta alla mutazione attivante ricorrente ( 617G>A; R206H ) nel gene ACVR1 ( ALK2 ), che codifica per il recettore dell'activina A tipo 1 / activina-like chinasi 2, un recettore tipo 1 delle proteine morfogenetiche dell'osso ( BMP ).
I pazienti affetti da fibrodisplasia ossificante progressiva atipica presentano anche mutazioni missenso eterozigoti del gene ACVR1 negli aminoacidi evolutivamente conservati.

La diagnosi di fibrodisplasia ossificante progressiva si basa sull'esame clinico. Le semplici radiografie possono evidenziare le anomalie minori degli alluci e la presenza di ossificazione eterotopica.
I test genetici consentono di confermare la diagnosi.
La diagnosi differenziale si pone con l'eteroplasia ossea progressiva, l'osteosarcoma, il linfedema, il sarcoma dei tessuti molli, i tumori desmoidi, la fibromatosi aggressiva giovanile e l'ossificazione eterotopica non-ereditaria ( acquisita ).

Sebbene la maggior parte dei casi di fibrodisplasia ossificante progressiva sia sporadica ( mutazioni non-ereditarie ), una piccola parte dei casi di fibrodisplasia ossificante progressiva ereditari è caratterizzata da una trasmissione germinale.
La trasmissione è autosomica dominante.

Non sono di solito disponibili test prenatali.

Al momento non esiste un trattamento definitivo. La somministrazione di corticosteroidi ad alto dosaggio per 4 giorni, iniziata entro le prime 24 ore successive alla riacutizzazione, può ridurre l'infiammazione acuta e l'edema tissutale osservati nei primi stadi della malattia.

La prevenzione si basa sulla messa in opera di interventi finalizzati a ridurre le cadute ( miglioramento della sicurezza in casa, uso di un casco protettivo ), ad impedire il declino respiratorio ( spirometria incentiva ) e le infezioni virali.

L'attesa di vita media è circa di 40 anni. La maggior parte dei pazienti è costretta alla sedia a rotelle alla fine della seconda decade di vita e di solito muore per le complicanze dovute a sindrome da insufficienza toracica. ( Xagena2011 )

Fonte: Orphanet, 2011

MalRar2011 Med2011 Orto2011 Farma2011


Indietro