Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Esito cognitivo dei pazienti con malattia di Pompe infantile classica in terapia enzimatica


La malattia di Pompe infantile classica colpisce molti tessuti, tra cui il cervello. I neonati non-trattati muoiono entro il primo anno.
Sebbene la terapia enzimatica sostitutiva aumenti significativamente la sopravvivenza, la sua potenziale limitazione è rappresentata dal fatto che il farmaco non può attraversare la barriera emato-encefalica.

È stato pertanto studiato lo sviluppo cognitivo a lungo termine nei pazienti trattati con terapia di sostituzione enzimatica.

È stato valutato in modo prospettico il funzionamento cognitivo in 10 bambini con malattia di Pompe infantile classica che erano stati trattati con terapia di sostituzione enzimatica dal 1999.

L'imaging cerebrale è stato eseguito in 6 bambini.

Durante i primi 4 anni di vita, i punteggi inerenti allo sviluppo in 10 bambini andavano da uno sviluppo superiore alla media a grave ritardo dello sviluppo.
I punteggi sono stati influenzati dal tipo di test di intelligenza utilizzato, dalla gravità dei problemi motori, dalle difficoltà di discorso / linguaggio, e dalla età di inizio della terapia.

Cinque bambini sono anche stati valutati dai 5 anni in poi.
Tra di loro c'erano 2 bambini tetraplegici i cui punteggi precedenti avevano indicato un grave ritardo dello sviluppo. Questi punteggi ora variavano tra normale e lieve ritardo dello sviluppo e hanno indicato che in giovane età uno scarso funzionamento motorio può interferire con la corretta valutazione dello stato cognitivo.
È stata riscontrata velocità di elaborazione ritardata in 2 bambini.
L'imaging cerebrale ha rivelato anomalie della sostanza bianca periventricolare in 4 bambini.

In conclusione, lo sviluppo cognitivo in età scolare è risultato variato tra normale e leggermente ritardato nei pazienti con malattia di Pompe infantile classica sopravvissuti per lungo periodo e trattati con terapia enzimatica sostitutiva.
Il bambino più grande aveva 12 anni.
Si è scoperto che lo stato cognitivo è facilmente sottostimato nei bambini al di sotto di 5 anni con ridotto funzionamento motorio. ( Xagena2012 )

Ebbink BJ et al, Neurology 2012; 78: 1512-1518

Neuro2012 MalRar2012



Indietro