Ibuprofene
Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa

Emapalumab nei bambini con linfoistiocitosi emofagocitica primaria


La linfoistiocitosi emofagocitica primaria è una sindrome rara caratterizzata da disregolazione immunitaria e iperinfiammazione. Si manifesta in genere nell'infanzia ed è associato ad alta mortalità.

Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza di Emapalumab ( Gamifant ), un anticorpo umano anti-interferone-gamma, somministrato con Desametasone, in uno studio in aperto, a gruppo singolo, di fase 2-3, che ha coinvolto pazienti che avevano ricevuto una terapia convenzionale prima dell'arruolamento ( pazienti precedentemente trattati ) e pazienti precedentemente non-trattati di età pari o inferiore a 18 anni con linfoistiocitosi emofagocitica primaria.

I pazienti hanno avuto la possibilità di entrare in uno studio di follow-up a lungo termine fino a 1 anno dopo il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche o fino a 1 anno dopo l'ultima dose di Emapalumab, se il trapianto non era stato eseguito.
Il periodo di trattamento di 8 settimane pianificato è stato ridotto o prolungato, se necessario, in base ai tempi del trapianto.

L'endpoint primario di efficacia era la risposta globale, valutata nei pazienti precedentemente trattati in base a criteri oggettivi clinici e di laboratorio.

Alla data di cutoff nel 2017, in totale 34 pazienti ( 27 pazienti precedentemente trattati e 7 pazienti non precedentemente trattati ) avevano ricevuto Emapalumab; 26 pazienti hanno completato lo studio.

In totale il 63% dei pazienti precedentemente trattati e il 65% dei pazienti che hanno ricevuto un'infusione di Emapalumab hanno avuto una risposta; queste percentuali sono state significativamente più alte dell'ipotesi nulla prespecificata pari al 40% ( P=0.02 e P=0.005, rispettivamente ).

Nel gruppo precedentemente trattato, il 70% dei pazienti è stato in grado di procedere al trapianto, così come il 65% dei pazienti che hanno ricevuto Emapalumab.

All'ultima osservazione, il 74% dei pazienti precedentemente trattati e il 71% dei pazienti che hanno ricevuto Emapalumab erano vivi.

Emapalumab non è stato associato ad alcuna tossicità d’organo.
Durante il trattamento con Emapalumab si sono sviluppate infezioni gravi in 10 pazienti.
Emapalumab è stato sospeso in 1 paziente a causa della istoplasmosi disseminata.

Emapalumab è una terapia mirata efficace per i pazienti con linfoistiocitosi emofagocitica primaria. ( Xagena2020 )

Locatelli F et al, N Engl J Med 2020; 382: 1811-1822

Emo2020 Pedia2020 MalRar2020 Med2020 Farma2020


Indietro