Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Cardiobase

Eliglustat rispetto a Imiglucerasi nei pazienti con malattia di Gaucher di tipo 1 stabilizzata in terapia enzimatica sostitutiva


Il cardine del trattamento per la malattia di Gaucher di tipo 1 è l’infusione a settimane alterne della terapia enzimatica sostitutiva ( ERT ).

Uno studio ha verificato se i pazienti stabili con tale trattamento possano rimanere così dopo il passaggio a Eliglustat ( Cerdelga ) orale, un inibitore selettivo della glucosilceramide sintetasi.

In questo studio di fase 3, randomizzato, multinazionale, in aperto, di non-inferiorità, sono stati arruolati adulti ( età superiore o uguale a 18 anni ) che avevano ricevuto terapia enzimatica sostitutiva per 3 anni o più per la malattia di Gaucher.

I pazienti sono stati randomizzati presso 39 cliniche ( stratificati per dose di terapia di sostituzione enzimatica ) a ricevere o Eliglustat orale o Imiglucerasi ( Cerezyme ) in infusione per 12 mesi.

I partecipanti e i ricercatori erano a conoscenza del trattamento assegnato, ma chi ha valutato i volumi d'organo era in cieco.

L'endpoint primario di efficacia composito era la percentuale di pazienti in cui le variabili ematologiche e i volumi d'organo sono rimasti stabili per 12 mesi ( diminuzione dell'emoglobina non-superiore a 15 g/l, diminuzione della conta piastrinica non-superiore al 25%, aumento del volume della milza non-superiore al 25%, e aumento del volume del fegato non-superiore al 20%, in multipli di normale al basale ).

Il margine di non-inferiorità è stato del 25% per Eliglustat rispetto a Imiglucerasi, valutato in tutti i pazienti che hanno completato 12 mesi di trattamento.

Tra il 2009 e il 2011, sono stati casualmente assegnati 106 pazienti ( 66% ) a Eliglustat e 54 ( 34% ) a Imiglucerasi.

Nella popolazione per-protocol, 84 ( 85% ) dei 99 pazienti che hanno completato il trattamento con Eliglustat e 44 ( 94% ) dei 47 pazienti che hanno completato il trattamento con Imiglucerasi hanno soddisfatto l'endpoint primario composito ( differenza tra i gruppi -8.8% ).

Si sono verificati abbandoni a causa di palpitazioni ( 1 paziente con Eliglustat ), infarto miocardico ( 1 paziente con Eliglustat ), e disturbi psicotici ( 1 paziente con Imiglucerasi ).

Non si sono verificati decessi. 97 pazienti ( 92% ) di 106 nel gruppo Eliglustat hanno presentato eventi avversi emergenti dal trattamento, così come 42 ( 79% ) su 53 nel gruppo Imiglucerasi ( soprattutto di grado lieve o moderato ).

Eliglustat per os ha mantenuto stabilità ematologica e del volume d’organo negli adulti con malattia di Gaucher di tipo 1 già controllata da terapia di sostituzione enzimatica per via endovenosa e potrebbe essere un'opzione terapeutica utile. ( Xagena2015 )

Cox TM et al, Lancet 2015;385:2355-2362

Malrar2015 Med2015 Farma2015


Indietro