Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Reumabase.it

Condizionamento a intensità ridotta e trapianto di cellule staminali emopoietiche da donatore HLA compatibile in pazienti con malattia granulomatosa cronica


Nella malattia granulomatosa cronica il trapianto di cellule staminali emopoietiche in adolescenti e giovani adulti e in pazienti con malattia ad alto rischio è complicato da fallimento del trapianto, malattia trapianto versus ospite ( GVHD ) e mortalità correlata al trapianto.

È stato esaminato l’effetto di un regime di condizionamento a intensità ridotta disegnato per aumentare l’integrazione mieloide e per ridurre la tossicità organica in questi pazienti.

Lo studio prospettico è stato condotto in 16 Centri in 10 Paesi nel mondo.

Pazienti di età compresa tra 0 e 40 anni con malattia granulomatosa cronica sono stati valutati ed arruolati a discrezione dei singoli Centri.

Il condizionamento a intensità ridotta consisteva in un’alta dose di Fludarabina ( 30 mg/m2 ) [ bambini di peso inferiore a 9 kg 1.2 mg/kg ]; una dose al giorno nei giorni da -8 a -3 ), sieroterapia ( Globulina anti-timociti [ ATG ] [ 10 mg/kg, una dose al giorno nei giorni da -4 a -1; o Timoglobulina 2.5 mg/kg, una dose al giorno nei giorni da -5 a -3 ]; o bassa dose di Alemtuzumab [ meno di 1 mg/kg nei giorni da -8 a -6 ] ) e bassa dose ( 50-72% della dose mieloablativa ) o somministrazione mirata di Busulfan ( area sotto la curva raccomandata cumulativa: 45-65 mg/L × ora ).

Busulfan è stato somministrato principalmente per via intravenosa ed eccezionalmente per via orale dai giorni -5 a -3.

Bisulfan per via intravenosa è stato dosato in base a raccomandazioni correlate al peso corporeo ed è stato somministrato nella maggior parte dei Centri ( 10 ) 2 volte al giorno in 4 ore.

Sono state infuse cellule staminali da midollo osseo non-manipolato o da sangue periferico da donatori HLA compatibili e imparentati con il paziente o da donatori non-imparentati con una compatibilità HLA-9/10 o HLA-10/10.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza generale e la sopravvivenza libera da eventi, le probabilità di sopravvivenza generale e libera da eventi a 2 anni, l’incidenza di malattia del trapianto contro l’ospite acuta e cronica, il raggiungimento di almeno il 90% di chimerismo mieloide del donatore e l’incidenza di fallimento del trapianto dopo almeno 6 mesi di follow-up.

In totale, 56 pazienti ( età mediana 12.7 anni ) con malattia granulomatosa cronica sono stati arruolati nel periodo 2003-2012; 42 pazienti ( 75% ) avevano caratteristiche di alto rischio ( cioè infezioni e autoinfiammazioni intrattabili ), 25 ( 45% ) erano adolescenti e giovani adulti ( età 14-39 anni ).

Sono stati effettuati 21 trapianti da donatore imparentato HLA-compatibile e 35 da donatore non-imparentato HLA-compatibile.

Il tempo mediano all’attecchimento è stato di 19 giorni per i neutrofili e 21 giorni per le piastrine.

Al follow-up mediano di 21 mesi la sopravvivenza generale è stata pari al 93%, la sopravvivenza libera da eventi del 89% ( 50 su 56 ).

A 2 anni la probabilità di sopravvivenza generale è stata del 96% la sopravvivenza libera da eventi è stata del 91%.

Il fallimento del trapianto si è presentato nel 5% ( 3 su 56 ) dei pazienti.

L’incidenza cumulativa di malattia del trapianto contro l’ospite acuta di grado III-IV è stata del 4% ( 2 su 56 ) e l’incidenza della forma cronica è stata del 7% ( 4 su 56 ).

Il chimerismo mieloide stabile ( uguale o superiore al 90% ) è stato documentato in 52 ( 93% ) pazienti sopravvissuti.

In conclusione, questo regime di condizionamento a intensità ridotta è sicuro ed efficace in pazienti ad alto rischio con malattia granulomatosa cronica. ( Xagena2014 )

Güngör T et al, Lancet 2014; 383: 436-448

MalRar2014 Med2014 Emo2014 Farma2014


Indietro