Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Gastrobase.it

Burosumab versus terapia convenzionale nei bambini con ipofosfatemia legata al cromosoma X


L'ipofosfatemia legata al cromosoma X nei bambini è caratterizzata da elevate concentrazioni sieriche del fattore di crescita dei fibroblasti 23 ( FGF23 ), ipofosfatemia, rachitismo, curvatura degli arti inferiori e compromissione della crescita.
Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza della continuazione con la terapia convenzionale, costituita da Fosfato orale e Vitamina-D attiva, rispetto al passaggio a Burosumab ( Crysvita ), un anticorpo monoclonale completamente umano contro FGF23, nell'ipofosfatemia pediatrica legata al cromosoma X.

In uno studio di fase 3 randomizzato, con controllo attivo, in aperto, condotto in 16 centri clinici, sono stati arruolati bambini con ipofosfatemia legata al cromosoma X di età compresa tra 1 e 12 anni.
I criteri di ammissibilità chiave erano un punteggio totale di gravità del rachitismo di Thacher di almeno 2.0, fosforo sierico a digiuno inferiore a 0.97 mmol/l ( 3.0 mg/dL ), mutazione PHEX ( omologo delle endopeptidasi di regolazione del fosfato legata al cromosoma X ) confermata o variante di significato sconosciuto nel paziente o in un membro della famiglia con appropriata eredità dominante legata al cromosoma X e assunzione della terapia convenzionale per almeno 6 mesi consecutivi per i bambini di età inferiore a 3 anni o almeno 12 mesi consecutivi per i bambini di età superiore a 3 anni.

I pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Burosumab per via sottocutanea a partire da 0.8 mg/kg ogni 2 settimane ( gruppo Burosumab ) o terapia convenzionale prescritta ( gruppo terapia convenzionale ).
Entrambi gli interventi sono durati 64 settimane.

L'endpoint primario era la variazione della gravità del rachitismo alla settimana 40, valutata dal punteggio globale alla scala RGI-C ( Radiographic Global Impression of Change ).
Tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento sono stati inclusi nelle analisi primaria e di sicurezza.

Il reclutamento è avvenuto tra il 2016 e il 2017. Sono stati arruolati 61 pazienti. Di questi, 32 ( 18 ragazze, 14 ragazzi ) sono stati assegnati in modo casuale a continuare a ricevere la terapia convenzionale e 29 ( 16 ragazze, 13 ragazzi ) a ricevere Burosumab.

Per l'endpoint primario alla settimana 40, i pazienti nel gruppo Burosumab hanno mostrato un miglioramento significativamente maggiore nel punteggio globale alla scala RGI-C rispetto ai pazienti nel gruppo terapia convenzionale ( media dei minimi quadrati +1.9 con Burosumab versus + 0.8 con la terapia convenzionale; differenza 1.1, P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi emergenti dal trattamento considerati forse, probabilmente o sicuramente correlati al trattamento si sono verificati più frequentemente con Burosumab ( 17 su 29 pazienti, 59%, nel gruppo Burosumab versus 7 su 32 pazienti, 22%, nel gruppo terapia convenzionale ).
Si sono verificati in ciascun gruppo 3 eventi avversi gravi, tutti considerati non-correlati al trattamento e risolti.

Sono stati evidenziati miglioramenti clinici significativamente maggiori nella gravità, nella crescita e nei fattori biochimici del rachitismo nei bambini con ipofosfatemia legata al cromosoma X trattati con Burosumab rispetto a quelli che hanno continuato la terapia convenzionale. ( Xagena2019 )

Imel EA et al, Lancet 2019; 393: 2416-2427

MalRar2019 Med2019 Pedia2019 Farma2019


Indietro