Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Cardiobase

Associazione tra attività fisica e rischio di sanguinamento nei bambini affetti da emofilia


Si ritiene che un'attività fisica intensa aumenti il rischio di sanguinamento nei bambini con emofilia, ma l'entità del rischio non è nota.

È stato elaborato uno studio case-crossover nidificato all'interno di uno studio di coorte prospettico presso tre Centri di emofilia pediatrica in Australia nel periodo 2008-2010.

Un totale di 104 bambini e adolescenti di età compresa tra 4 e 18 anni con moderata o grave emofilia A o B sono stati monitorati per i sanguinamenti per un massimo di 1 anno.

A seguito di ogni emorragia, il bambino, o il genitore, è stato intervistato per accertare le esposizioni ad attività fisica precedente all'emorragia.
L'attività fisica è stata classificata in base alla frequenza e alla gravità dell'impatto previsto.

Il rischio di sanguinamento associato con l'attività fisica è stato valutato mettendo a confronto l'esposizione all'attività fisica nelle 8 ore precedenti al sanguinamento, con esposizioni in due finestre di controllo di 8 ore, tenendo sotto controllo i livelli del fattore di coagulazione nel sangue.

È stata valutata l'associazione tra attività fisica e livello del fattore di coagulazione con il rischio di sanguinamento.

I partecipanti sono stati osservati per 4839 settimane-persona durante le quali si sono verificati 436 sanguinamenti. Di questi, 336 si sono verificati più di 2 settimane dopo il precedente sanguinamento, e sono stati utilizzati nell'analisi primaria di rischio.

Rispetto alla inattività e alla categoria di attività 1 ( ad esempio, nuoto ), le attività di categoria 2 ( ad esempio, basket ) sono state associate con un aumento transitorio del rischio di sanguinamento ( 30.6% delle finestre di sanguinamento vs 24.8% delle prime finestre di controllo; odds ratio, OR=2.7; P minore di 0.001 ).

Le attività di categoria 3 ( ad esempio, lotta ) sono state associate con un maggiore aumento transitorio del rischio ( 7.0% delle finestre di sanguinamento vs 3.4% delle prime finestre di controllo, OR=3.7; P minore di 0.001 ).

Per illustrare l'incremento assoluto del rischio, per un bambino che sanguina 5 volte all'anno ed è esposto ad attività di categoria 2 una media di due volte alla settimana e ad attività di categoria 3 una volta alla settimana, l'esposizione a queste attività è stata associata a uno solo dei 5 sanguinamenti annuali.

Per ogni aumento dell’1% del livello del fattore di coagulazione, l'incidenza di sanguinamento è stata inferiore al 2% ( P=0.004 ).

In conclusione, nei bambini e negli adolescenti affetti da emofilia, l'attività fisica intensa è risultata transitoriamente associata a un aumento relativo moderato del rischio di sanguinamento.
Poiché il rischio relativo è transitorio, è probabile che l'aumento assoluto del rischio di emorragie associate con l'attività fisica sia ridotto. ( Xagena2012 )

Broderick CR et al, JAMA 2012; 308: 1452-1459


MalRar2012 Pedia2012 Emo2012



Indietro