Ematologia.net
Mediexplorer
OncoGinecologia.net

Microbiota nasale nei neonati con fibrosi cistica nel primo anno di vita


Le infezioni delle vie respiratorie e la conseguente infiammazione delle vie aeree si verificano nelle prime fasi della vita dei bambini affetti da fibrosi cistica.
Tuttavia, informazioni dettagliate sulla composizione microbica delle vie respiratorie nei bambini con questo disturbo sono limitate.
È stata effettuata una caratterizzazione approfondita del microbiota del tratto respiratorio superiore nei bambini con fibrosi cistica durante il primo anno di vita.

È stato effettuato uno studio prospettico di coorte in 7 Centri per la fibrosi cistica in Svizzera.
Tra il 2011 e il 2014 sono stati arruolati 30 bambini con una diagnosi di fibrosi cistica.
La caratterizzazione del microbiota è stata fatta con pirosequenziamento del gene 16S rRNA e oligotipizzazione di tamponi nasali raccolti ogni 2 settimane dai bambini con fibrosi cistica.

Questi dati sono stati confrontati con i dati di una coorte di pari età di 47 bambini sani.
È stato inoltre studiato l'effetto del trattamento antibiotico sul microbiota dei bambini affetti da fibrosi cistica.

Sono stati analizzati 461 tamponi nasali prelevati da neonati con fibrosi cistica; la coorte di bambini sani comprendeva 872 campioni. Il microbiota dei bambini affetti da fibrosi cistica differiva nella composizione rispetto a quello dei neonati sani ( P=0.001 ).
Questa differenza è stata trovata anche in campioni esclusivamente naive ( mai trattati ) agli antibiotici (P=0.001).

Il disordine è stato principalmente, ma non esclusivamente, causato da un aumento globale dell'abbondanza relativa media di batteri appartenenti alla famiglia delle Staphylococcaceae nei bambini con fibrosi cistica, rispetto ai neonati sani ( modello di regressione lineare multivariata stratificato per età e regolato in base alla stagione; secondo mese: coefficiente 16.2; P=0.04; terzo mese: 17.9; P=0.02; quarto mese: 21.1; P=0.002 ).

L’analisi di oligotipizzazione ha permesso la differenziazione tra Staphylococcus aureus e stafilococchi coagulasi-negativi.

Considerando che l'analisi ha evidenziato una diminuzione di Staphylococcus aureus durante e dopo il trattamento antibiotico, gli stafilococchi coagulasi-negativi sono aumentati.

Lo studio ha descritto le differenze di composizione del microbiota dei neonati con fibrosi cistica, rispetto ai controlli sani, e il disordine del microbiota alla somministrazione di antibiotici.

Oltre a Staphylococcus aureus, anche gli stafilococchi coagulasi-negativi hanno contribuito al disordine identificato in questi bambini.

Questi risultati sono clinicamente importanti in considerazione del ruolo cruciale che i batteri patogeni hanno nella progressione della malattia da fibrosi cistica nei primi anni di vita. ( Xagena2016 )

Mika M et al, Lancet Respiratory Medicine 2016; 4: 627-635

Pneumo2016 Gastro2016 MalRar2016 Med2016



Indietro