Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncologiaMedica.net
OncoGinecologia.net
Gastroenterologia.net

Bevacizumab spray nasale è inefficace per la epistassi nella teleangectasia emorragica ereditaria


Il trattamento con Bevacizumab spray nasale nei pazienti con teleangectasia emorragica ereditaria in tre somministrazioni non ha ridotto la durata mensile dell’epistassi nei 3 mesi successivi alla fine del trattamento.

L’epistassi è la manifestazione più frequente e invalidante della telangiectasia emorragica ereditaria.
Era stata dimostrata l'efficacia di Bevacizumab per via endovenosa ( un anticorpo monoclonale anti-fattore di crescita endoteliale vascolare [ anti-VEGF ] ) per l’epistassi.
Tuttavia, l'efficacia di Bevacizumab intranasale era ancora da valutare.

È stata valutata l'efficacia di 3 diversi dosaggi di Bevacizumab somministrato come spray nasale in modo ripetuto per tutta la durata della perdita di sangue dal naso in pazienti con telangiectasia emorragica ereditaria in uno studio clinico randomizzato, multicentrico, controllato con placebo, di fase 2-3.
I pazienti di età a partire da 18 anni con una diagnosi di telangiectasia emorragica ereditaria sono stati reclutati da 5 Centri francesi dal 2014 al 2015 con 6 mesi di follow-up dopo la fine del trattamento.

I partecipanti avevano una storia di perdita di sangue dal naso auto-riferita con una durata mensile di più di 20 minuti almeno nei 3 mesi precedenti l'inclusione corroborata da dati ottenuti durante lo stesso periodo preinclusione.

80 pazienti con telangiectasia emorragica ereditaria sono stati randomizzati e trattati nello studio di fase 2.
Un gruppo ha ricevuto placebo ( n=21 ); gli altri 3 hanno ricevuto Bevacizumab spray nasale.

Ogni gruppo Bevacizumab ha ricevuto una dose diversa del farmaco ( 25 mg, n=20; 50 mg, n=20; 75 mg, n=19 ) in 3 dosi a 14 giorni di distanza per una durata totale del trattamento di 4 settimane, con una conseguente dose totale di 75 mg, 150 mg e 225 mg in ciascun gruppo di trattamento.

Il principale risultato era la durata media mensile dell’epistassi per 3 mesi consecutivi immediatamente dopo la fine del trattamento.

Degli 80 pazienti randomizzati ( età media, 60.47 anni; 37 donne, 46.25% ), 75 hanno completato lo studio.

La durata media dell’epistassi mensile misurata a 3 mesi non è risultata significativamente differente nei 59 pazienti trattati con Bevacizumab in confronto al gruppo placebo ( P=0.57 ) o tra i gruppi Bevacizumab.

La durata dell’epistassi mensile media è stata di 259.2 minuti nel gruppo 25 mg, 244.0 minuti nel gruppo 50 mg, 215.0 minuti nel gruppo 75 mg e 200.4 minuti nel gruppo placebo.

La tossicità è risultata bassa e non sono stati riportati eventi avversi gravi.

Questo studio è stato interrotto prima della fase 3 per inutilità del trattamento dopo una analisi intermedia su raccomandazione di un Comitato indipendente di monitoraggio dei dati.

In conclusione, nei pazienti con telangiectasia emorragica ereditaria, un trattamento con Bevacizumab spray nasale in 3 somministrazioni a intervalli di 14 giorni con dosi di 25 mg, 50 mg o 75 mg a inalazione, rispetto al placebo, non ha ridotto la durata mensile dell’epistassi nei 3 mesi consecutivi immediatamente successivi alla fine del trattamento. ( Xagena2016 )

Dupuis-Girod S et al, JAMA 2016; 316: 934-942

MalRar2016 Med2016 Farma2016


Indietro